???.icon?????????

Il fiasco di vino

Origini e storia di un oggetto elevatosi a simbolo del Chianti nel mondo

Sono molto incerte le origini del fiasco di vino, ma per rintracciarne la storia dobbiamo far riferimento ad alcuni importanti documenti. Alla metà del XIV secolo, in affreschi del tempo, lo troviamo, sia appeso ad una corda perchè ancora privo di quello che, in dialetto toscano, viene chiamato "culo del fiasco", sia in un’opera di Sandro Botticelli del XV secolo, raffigurante due grandi fiaschi appoggiati ad un tronco di legno, questa volta provvisti anche della base. Appare anche ne La nascita di Giovanni Battista di Domenico Ghirlandaio, dove un’ancella ne porta due, molto piccoli, legati al polso.La prima documentazione di un recipiente simile al fiaco risale al 1275, a San Gimignano, dove ad un certo Cheronimo fu dato il permesso di aprire una fornace per fabbricare vetro. L’importanza attribuita a tale recipiente è documentata, inoltre, da una serie di leggi poste a tutela della sua capacità e delle regole di produzione. Oggi il fiasco sta quasi totalmente scomparendo dal mercato a causa del costo eccessivo dell’impagliatura e per il complicato trasporto causato dalla singolare forma.

&
Artigianato