San Giovanni d'Asso
Photo ©VVC

San Giovanni d’Asso

Immerso negli splendidi paesaggi delle Crete Senesi deve la sua fama al tartufo bianco

Il borgo trae origine da un'antica pieve longobarda, sorta agli albori del cristianesimo in Italia, sulla quale viene eretto un castello. La sua opera di edificazione, avvenuta tra il XII ed il VIV secolo, avviene su progetto di Agostino e Agnolo di Ventura. All'inizio del XII secolo il borgo si attesta come feudo del conte Paltonieri di Forteguerra. Nel 1551 viene donato al comune di Siena, ma in seguito un gran numero di famiglie signorili si avvicendano nel suo possesso. Sempre sotto la sovranità senese, il borgo passa ad Ugolino Scolari, quindi agli Ardengheschi di Civitella. Parallelamente, si sviluppa anche la realtà di un altro borgo del territorio dell'odierno comune, quello di Montisi, prima autonomo, poi negli ultimi anni del Trecento annesso alle proprietà dell'Ospedale della Scala, che lo organizza come una "grangia", ovvero una fattoria fortificata. A metà del XIII secolo il castello di san Giovanni viene acquistato dai Buonsignori, quindi passa ai Salimbeni ed infine ai Petroni. Si consolida di fatto una realtà rurale dominata dalle varie signorie cittadine senesi. Solo verso la metà del Quattrocento il comune di Siena pone San Giovanni sotto la sua diretta amministrazione. Un secolo più tardi, insieme a tutto il territorio del senese, San Giovanni entra a far parte del Granducato Toscano dei Medici, cui succedono i Lorena nel XVIII secolo. La vita economica nel territorio, sempre ai margini delle grandi vie del commercio, si è sempre basata quasi esclusivamente sull'agricoltura, soprattutto dopo la bonifica del Piano dell'Asso, avvenuta nel Duecento per opera dei senesi. Alle coltivazioni classiche (cereali, vite ed olivo) si aggiunge negli ultimi secoli quella del gelso e, di conseguenza, l'allevamento del baco da seta. Il mancato sviluppo industriale nel dopoguerra dell'area ha provocato uno spopolamento, fenomeno piuttosto comune ai centri rurali della Toscana.

Sagre e sapori - Appuntamento da non perdere, ogni anno a San Giovanni d'Asso è la Mostra mercato del tartufo marzuolo delle Crete Senesi, un'iniziativa che regala piacevoli momenti per il palato con la degustazione di piatti prelibati, accompagnata da passeggiate alla ricerca del tubero con la guida dei tartufaisenesi. E infine, per chi desidera "viaggiare" nella storia del Tartufo a San Giovanni D'Asso è possibile visitare il Museo, dedicato al preziosissimo tubero. 
&
LE ATTRAZIONI PIù RICERCATE A  San Giovanni d’Asso
&
Il territorio
Terre di Siena, Buonconvento

Terre di Siena

Dal Chianti alle Crete, dalla Valdelsa alla Val di Merse: le città d'arte, i borghi, i paesaggi e i prodotti tipici
Le Terre di Siena sono l’insieme di campagne e territori che circondano la città del Palio e che da sempre incantano i viaggiatori con la bellezza del loro paesaggio. ...
Approfondiscikeyboard_backspace