Scorcio della Val di Chiana

Tra Arezzo e Chiusi: in bicicletta sul "sentiero della bonifica"

Da immensa palude a percorso ciclabile carico di suggestioni

In viaggio per scoprire, col passo lento delle due ruote, tutto il fascino delle terre del Clanis. 60 chilometri di emozioni e sport che attraversano i luoghi più affascinanti della Toscana
PERCORSO
Punto di partenza: Chiusi (SI)
Punto di arrivo: Arezzo
Distanza: 62 km
Dislivello: 20 m circa
Tipo di strada: sterrata
Livello di difficoltà: facile

Un itinerario ciclopedonale nella terra dell'antica palude, tra i canali, le chiuse, le gallerie che un tempo servirono a prosciugarla e che oggi rappresentano un vero e proprio museo a cielo aperto nel cuore della Val di Chiana: è il percorso storico, culturale e naturalistico che oggi si offre a tutti gli appassionati di un turismo lento che amano vivere a fondo il territorio, a piedi o su due ruote, senza rinunciare alle comodità di strutture ricettive in perfetta armonia con l'ambiente.

A loro è dedicato il progetto di valorizzazione turistica del percorso ciclabile lungo il canale maestro della Chiana, frutto dell'impegno congiunto delle Apt di Chianciano Terme Val di Chiana e Arezzo e delle Province di Arezzo e Siena, con il contributo della Regione Toscana: un impegno che ha reso fruibile, grazie ad una cartellonistica dedicata e alla predisposizione sul territorio di servizi specifici rivolti a chi viaggia in bicicletta, un itinerario di 60 chilometri che attraversa tutta la Val di Chiana, da Arezzo a Chiusi, lungo la strada che veniva utilizzata per la manutenzione del canale maestro della Chiana.

Quell'area fu interessata, a partire dalla metà del XIV secolo, da una vasta opera di bonifica che, avviata dalla famiglia Medici, proseguì sotto gli Asburgo-Lorena avvalendosi dell'opera di illustri scienziati e abili ingegneri come Leonardo da Vinci, Galileo Galilei e Vittorio Fossombroni, tecnico aretino a cui il percorso è dedicato. Oggi quel sistema di chiuse di epoca granducale, che si intreccia con il fascino di natura, storia e produzioni tipiche di questo spicchio di Toscana, è diventato un itinerario ideale per i cicloturisti, anche grazie alla vicinanza di due linee ferroviarie che facilitano il rientro al punto di partenza.

Per chi vuole percorrerlo, Apt Chianciano Terme Val di Chiana ha ideato, grazie all'organizzazione tecnica del proprio tour operator, il pacchetto "In bicicletta nelle terre del Clanis", un itinerario a tappe della durata di due giorni: lungo il cammino, che parte da Chiusi Scalo, si possono ammirare le curiose torri cinquentesche di "Beccati Questo e Beccati Quello", che un tempo segnavano il confine tra il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio e oggi rappresentano la linea di demarcazione tra Toscana e Umbria; la Catacomba di Santa Mustiola, testimonianza del precoce sviluppo del Cristianesimo a Chiusi; il lago di Montepulciano, riserva naturalistica che si trova sulle via migratoria di numerose specie di uccelli; il Callone di Valiano, opera realizzata nei primi anni del Settecento per consentire una regolamentazione controllata del livello delle acque del lago e parzialmente distrutta nel 1944 per mano dell'esercito tedesco; le case leopoldine, che dopo la bonifica dei terreni della Val di Chiana furono costruite per ospitare le famiglie dei mezzadri; e infine la Colmata di Brolio, ultima opera ancora funzionante, testimonianza tangibile di una delle più maestose e ingegneristicamente avanzate oper e dell'uomo.

Per saperne di più, consulta la sezione "Proposte viaggio" del sito www.vivichiancianoterme.it

Per maggiori informazioni e curiosità
 
  • directions_bike
    Mezzo di trasporto consigliato
    Bicicletta
&
In bicicletta