Le fonti antiche di Boccheggiano - Montieri

Sulle Colline Metallifere alla scoperta dei borghi di pietra

Un itinerario per gli amanti della bicicletta nella natura intatta

Itinerario immerso nella natura tra i borghi più solitari e autentici dell'Alta Maremma. I tratti più impegnativi sono la breve rislita verso Travale e gli ultimi 5 km prima del ritorno a Montieri

PERCORSO
Punto di partenza e di arrivo: Montieri
Difficoltà: Media
TIpo di strada: Asfalto
Lunghezza: 23,000 Km
Dislivello: 420 m

Si parte da Montieri. Nel borgo si imbocca la rampa in salita di 200 m che parte sulla destra del Palazzo Comunale per raggiungere la strada alle spalle del paese dove si continua a salire per 600 m fino all'incrocio con la S.P. 11 "Pavone" dove si piega a sinistra verso Gerfalco: bello il panorama sulla destra con i boschi che circondano Gerfalco e il poggio soprastante con la Riserva Naturale delle Cornate.

Dopo 3,5 km si lascia la S.P. 11 per proseguire in direzione Gerfalco sulla S.P. 71. La strada di crinale si affaccia contemporaneamente verso la costa a sinistra e verso la valle del Cecina e le terre di Siena a destra; da qui sono anche visibili le due alture che superano i mille metri delle Colline Metallifere: il Poggio di Montieri con le antenne e Poggio con la Riserva Naturale delle Cornate, proprio sopra Gerfalco.

Dopo circa 2 km si arriva a Gerfalco (6,3) situato a 860 m s.l.m. Raggiunto l'ingresso del borgo si consiglia una visita al centro storico. L'itinerario prosegue a sinistra seguendo due segnali in legno che indicano Cima Le Cornate e Fonte Il Canaluzzo. La strada dopo 500 m diventa sterrata e si procede in discesa nella rigogliosa vegetazione. Dopo circa 1 km, in corrispondenza di una curva a sinistra, conviene fare una sosta per ammirare il panorama sulla Valle del Cecina, fiume che nasce nei pressi di Gerfalco. La strada bianca continua in discesa alternando punti panoramici a tratti ricoperti dal bosco. Lungo il percorso si incontrano antichi e tipici casolari di campagna, alcuni ben ristrutturati.

Raggiunto il fondovalle (8,5) si comincia a risalire e dopo 200 m, in presenza di una biforcazione, si mantiene la sinistra (evitando di scendere a destra) arrivando così a Lame (9,4), antico borgo rurale. La strada procede in salita e, circa 200 m dopo il paese, sulla sinistra al livello della strada, si lambisce una sorgente e poco dopo si arriva in presenza di una biforcazione (10,2): proseguendo a sinistra si raggiunge in 600 m la Fonte del Canaluzzo, mentre l'itinerario continua sulla destra in discesa che poco dopo offre una vista sul piccolo borgo di Travale. Si passa nei pressi di alcuni poderi e la discesa finisce nel fondovalle in corrispondenza del ponte sul fiume Cecina (15,8) dove si ritrova l'asfalto.

Da qui comincia la salita di circa 1 km verso Travale. Poco dopo in presenza di un incrocio a T si gira a sinistra (a destra si va verso il centro di Travale col castello che merita una visita) per raggiungere la S.P. 5 che torna a destra verso Montieri. Nei pressi dell'incrocio c'è un punto ristoro. Montieri dista da qui circa 5,5 km e si raggiunge pedalando in costante salita, mai troppo ripida. L'anello si chiude davanti al Palazzo del Comune (23).
  • directions_bike
    Mezzo di trasporto consigliato
    Bicicletta
&
In bicicletta