Mugello: il Valico della Crocetta

La salita più temeraria per i ciclisti

Un percorso molto impegnativo adatto ai ciclisti più temerari, una delle salite più temute del Mugello per la sua rigida pendenza, ma che regala splendide vedute e attraversa fitti boschi dei paesaggi montani.

Ci sono poche salite nel Mugello temute dai cicloamatori quanto il Valico della Crocetta. Limitandosi ai numeri principali non se ne comprende tuttavia il motivo visto che si tratta di uno dei valichi meno elevati (817 mslm) e la sua pendenza media non è certo proibitiva (4,6%); anche la lunghezza, sebbene significativa (12 chilometri), non è spropositata. Ma questi numeri non dicono tutto, soprattutto non dicono della presenza di un tratto di quasi due chilometri e mezzo al 10% di pendenza con passaggi intorno al 15%, che richiede un grande sforzo e può mettere in notevole difficoltà i meno allenati.

La partenza è a Barberino di Mugello e per un chilometro e mezzo si percorre la strada per il Passo della Futa; dopodiché si imbocca a sinistra per Montepiano. La carreggiata si restringe ma si procede ancora in pianura superando il torrente Stura.

Dopo il ponticello sul Torrente Aglio (km 2,7) ecco arrivare la salita. É subito molto impegnativa con pendenze vicine al 10% che si riducono un po' solo in prossimità del sottopassaggio dell’Autostrada del Sole. Ma subito dopo la strada si impenna. Dal chilometro 3,5 al chilometro 4,7 le pendenze sono veramente severe (fino a punte del 15-16%) e richiedono il massimo sforzo e il rapporto più agile. Al chilometro 5,1 la strada finalmente spiana e 200 metri dopo inizia addirittura un tratto di discesa.

Lago di Bilancino - Credit: Valentina Dainelli

Sono due chilometri di saliscendi che portano all’abitato di Mangona (km 7,5, 500 mslm). Da qui inizia nuovamente la salita, questa volta costante e con pendenze più accessibili, ma comunque sempre impegnativa (pendenza media 7,7%) fino al cartello del confine di provincia (km 10,7). A questo punto la pendenza si riduce (4-5%) e, dopo aver attraversato un tratto di bosco, breve ma fittissimo, si giunge finalmente (km 12) al Valico della Crocetta a 817 metri sul livello del mare. Tre chilometri di discesa conducono poi al paese di Montepiano.

Un percorso circolare possibile è quello che prevede, da Montepiano, di scendere a Prato e da qui a Calenzano (attenti al traffico!!) per poi tornare a Barberino via Passo delle Croci di Calenzano (circa 72 chilometri). Oppure procedere da Montepiano verso Castiglion dei Pepoli deviando dopo un paio di chilometri per Monte Tavianella e il Santuario di Bocca di Rio, risalendo poi il Passo della Futa da Roncobilaccio e da qui ritornare a Barberino. É un giro duro anche se più breve del precedente (50 chilometri circa), ma che ripaga il ciclista con un percorso veramente spettacolare.

Panorama montano del Mugello
Panorama montano del Mugello
&
In bicicletta