Colline Metallifere

Le Colline Metallifere da scoprire in bici

Un percorso che si snoda lungo borghi medievali

Un percorso che si snoda lungo borghi storici, tappe ideali per una sosta e per conoscere le radici medievali di queste affascinanti colline toscane
PERCORSO
Punto di partenza ed arrivo: Chiusdino
Livello di difficoltà: Medio
Lunghezza: 37 Km
Dislivello
: 610 m
Tipo di strada: Asfalto
Tipo di bici: Tutto terreno, Da strada
Per chi: Cicloamatori, Cicloturisti

Si parte dalla piazza centrale di Chiusdino. Si segue subito la direzione di Siena e scendendo lungo la SP 31 “di Chiusdino” fino alla frazione La Battellona (km 3,5 circa), dove si piega sulla sinistra all'incrocio che immette nella SP 107 “di Montalcinello” in direzione di Radicondoli-Montalcinello.

Dopo l'attraversamento del torrente Saio (km 5,4 circa) si sale su una breve rampa in media al 6% di pendenza che si arrampica su una collina panoramica. Al km 8,3 circa, lambendo il piccolo borgo di Montalcinello, si continua sulla strada principale. Per un breve tratto si scende per poi proseguire su falso piano, accompagnati dalle prime condutture geotermiche, scivolando veloci verso il quadrivio ai piedi del castello di Montingegnoli (km 14 circa).

Da questo incrocio si prende sulla sinistra la SP 3 “delle Galleraie” seguendo le indicazioni per Montieri e Follonica. Questa strada decisamente piacevole costituisce un evidente spartiacque fra i bacini idrici del Merse e della Cecina. Al km 19,4 si lascia sulla destra il bivio per le terme delle Galleraie, stazione termale della Val di Merse insieme a Petriolo, e dopo 600 metri si entra in provincia di Grosseto, cosicché la SP 3 diventa SP 5 “di Montieri”.

La strada adesso si restringe ed inizia a ribellarsi ai rettilinei appena percorsi muovendosi sinuosa con continue curve fino alla località La Fabbrica. Si lascia sulla destra il bivio per Travale e subito inizia una salita di circa 4 km, i primi due più duri con brevi tratti di pendenza fino al 10%. Oltrepassati i due poderi che dominano dall'alto ambo i lati della strada (km 25,5 circa), le pendenze si addolciscono facendosi meno forti: ci stiamo avvicinando alla mole del poggio di Montieri (1051 mt s.l.m.), separato dal vicino monte de Le Cornate (1060 m s.l.m.) da una lingua di terra che dalla nostra posizione occlude la visuale verso il vicino Golfo di Follonica e oltre fino all'isola d'Elba.

Al km 26 circa sulla sinistra si incontra una fonte che regala acqua sorgiva di qualità . Appena 500 m dopo, a fine salita, si incontra il trivio che dove si prende la strada per Chiusdino, ma prima di imboccare la SP 29 “di Ciciano” si consiglia di proseguire oltre per circa 1 km e visitare il borgo di Montieri, antico centro mineralogico delle Colline Metallifere: il nome infatti viene fatto risalire a Mons Aeris, o monte di rame.

Sarà piacevole prendersi una breve pausa e passeggiare nelle strette viuzze che sovrastano il Cassero duecentesco, fra le quali cercare il forno, la panetteria dove ogni giorno si sfornano pane toscano e la “schiaccia”, focaccia semplicemente salata o arricchita con dei fragranti “friccioli”, croccanti fiocchi di grasso di maiale lavorato e fritto, magari accompagnata dai salumi della tradizione toscana.

Ritornati al trivio fuori dal paese si prende la SP 29 in direzione di Chiusdino. Si pedala ora in discesa su una bella strada panoramica sull'Alta Val di Merse. Al km 32 circa si torna in provincia di Siena percorrendo la SP. 31 fino al borgo di Ciciano, famoso per il tradizionale gioco estivo della “Palla Eh!”. Si prosegue a sinistra e, oltrepassato il paese, la strada scende per un breve tratto arrivando nei pressi del piccolo cimitero di Chiusdino; da qui si sale per l'ultimo chilometro e mezzo fino al capoluogo.
  • directions_bike
    Mezzo di trasporto consigliato
    Bicicletta
&
In bicicletta