fb track
Uno scorcio delle Apuane

L’anello della Tambura da Campocatino

Un'escursione nella natura delle Alpi Apuane tra alpeggi ed eremi

Prima tappa
La salita verso il Monte Tambura
Le montagne sopra Vagli
Le montagne sopra Vagli - Credit: ilaria

L'escursione ha come punto di partenza e di arrivo lo splendido villaggio (un tempo alpeggio) di Campocatino. Parcheggiata l'auto, si prende il sentiero che dalle ultime case dell’alpeggio aggira lo spigolo sud-est della Roccandagia (1700 m), bellissima montagna che sovrasta la conca erbosa di Campocatino, con percorso panoramico sulla Valle di Arnetola e sulla spettacolare cava a gradoni del Monte Pallerina. All’inizio il sentiero discende mediamente e nelle parti più esposte è protetto a valle da una staccionata in legno.

Segue un lungo tratto più boscoso in cui si guadagna poca quota fino a un salto di roccia di una decina di metri - assistito da cavi metallici - che permette di raggiungere un pianoro di cava. Superata una distesa di blocchi di marmo, si prosegue verso ovest fino ad incontrare il sentiero che sale da Arnetola e lo si percorre risalendo il Canale Colubraia con un continuo zigzagare che termina al Passo della Tambura (1620 m) in un ambiente spettacolare. Al passo, inizia la salita alla cima della Tambura lungo la cresta sud, larga e relativamente breve. Il percorso non presenta particolari difficoltà: è solo un po' faticoso nel primo tratto dove la cresta è abbastanza erta, poi la pendenza si riduce e si prosegue con facilità fino alla vetta. Per la posizione centrale sulla dorsale principale apuana e per elevazione (1895 m), la cima della Tambura è un punto panoramico notevole.

Seconda tappa
Il ritorno a Campocatino
L'alpeggio di Campocatino
L'alpeggio di Campocatino - Credit: NH53

Per la discesa si segue la cresta opposta (nord), anch'essa piuttosto agevole. Si abbandona la cresta poco prima del Passo della Focolaccia (1642 m), ambiente modificato dalla cava attiva più alta delle Apuane, proseguendo la discesa per la Carcaraia, una distesa inclinata di roccia modellata da forte carsismo, e, perdendo progressivamente quota, ci si porta a ridosso degli scoscendimenti finali della parete ovest della Roccandagia.

Da qui si rimonta in diagonale e per un traverso, facile anche se esposto (cavi metallici di protezione), ci si porta verso nord sopra il bacino marmifero del Fosso dell’Acqua Bianca. Si continua quindi a risalire nel bosco verso il Passo della Tombaccia (1350 m). Dal passo, il sentiero scende ad aggirare un altro contrafforte per uscire infine dal bosco sul lato opposto a quello di partenza della conca di Campocatino. In pochi minuti si raggiungono le prime case chiudendo ad anello il percorso.

&
Trekking e Outdoor