Bicicletta

In mountain bike sulla via dei parchi

Un itinerario storico e naturalistico

Questo percorso fiancheggia il corso dell' Arno nel tratto che va da Empoli fino al perimetro occidentale dell'Ambrogiana. Si parte dal parco di Serravalle e si va verso l'abitato di Tinaia
PERCORSO
Durata: 2 h e 30 min circa
Dislivello: 335 mt
Bici consigliata: mountain bike
Periodo di svoglimento: tutto l'anno
Tipologia di percorso: cicloturismo, famiglie con bambini

Questo percorso fiancheggia il corso dell' Arno nel tratto che va dal territorio comunale di Empoli fino al perimetro occidentale dell'Ambrogiana. Si parte dal parco di Serravalle e si va verso l'abitato di Tinaia. Laddove il Rio di Fibbiana sfocia e c'è una grande cateratta per la regimazione delle acque, è individuabile il punto in cui l'Arno iniziava la curva che venne poi colmata aprendo il nuovo tratto che passa davanti al centro di Limite sull'Arno.
 
Prima dell'abitato di Fibbiana troviamo la piana di Arno Vecchio; il nome deriva da un'antica ansa dell'Arno che venne gradualmente tagliata con un riempimento a colmata iniziato probabilmente nel periodo granducale, per deviare, raddrizzare e abbreviare il corso del fiume.
 
È evidente un vasto e profondo lago di falda, sulle cui sponde nidificano alcune specie di uccelli che vi scavano nidi a torre. Proseguendo s'incontra Villa Mannelli, grande complesso poderale che domina questa parte di pianura; continuiamo lungo l'Arno fino alla località Torre, attraversiamo il paese e raggiungiamo la Torre de' Frescobaldi.
 
Proseguiamo lungo la strada asfaltata che conduce al parco urbano dell'Ambrogiana e alla villa omonima che ospita l'Ospedale psichiatrico giudiziario. Raggiungiamo Montelupo Fiorentino percorrendo il Viale Umberto I che ci condurrà in prossimità del ponte sul Pesa; da qui percorriamo la SP per Ginestra Fiorentina e raggiungiamo la chiesa dei SS. Ippolito e Cassiano. Da lì si devia a destra per oltrepassare il ponte sul Pesa che porta a Turbone. Si percorre la strada che sale a Pulica e poco prima di sorpassare la FI-PI-LI, si gira a sinistra per una strada sterrata.
 
Dopo 500 mt s'arriva a un vigneto, si prosegue, mantenendo a destra la superstrada, si oltrepassa un fosso e si entra in un grande appezzamento coltivato. Dopo 200 mt, s'attraversa la macchia e il canneto costeggiando la riva sinistra del Pesa. Da qui si seguono i filari degli alberi, oltrepassata la superstrada e il ponte delle Topole si continua su una strada sterrata che salendo s'inoltra nel bosco.
 
Dopo un breve tratto di salita raggiungiamo un quadrivio, imbocchiamo a sinistra la strada che scende e costeggia il fiume e arriviamo ad un casolare, qui si gira a sinistra verso gli scavi della villa romana di Pulica, detta Casa Cambi. Siamo giunti nella zona del Parco archeologico-tecnologico e naturalistico (P.A.N.), tra Pulica e i torrenti Pesa e Virginio, che ospita  presenze archeologiche che si uniscono alla salvaguardia dell'ambiente.
 
&
In bicicletta