Argentario, Porto Santo Stefano

Il Monte Argentario su due ruote

Un itinerario impegnativo lungo la Costa d'Argento


PERCORSO
Punto di partenza e di arrivo: Orbetello
Difficoltà: Difficile
Tipo di strada: Misto
Lunghezza: 38,400 Km
Dislivello: 450 m

Itinerario molto spettacolare che va ad esplorare uno dei tratti di costa più belli dell'intero litorale Tirrenico. Da un punto di vista altimetrico richiede un certo impegno sviluppandosi in continuo saliscendi se si escludono i primi 7 km e gli ultimi 10 km. Per quanto brevi, alcuni tratti sono in forte pendenza. Da segnalare un tratto di circa 3,5 km su fondo sterrato molto sconnesso che rende l'itinerario adatto solo a bici tuttoterreno o mountain bike. La quasi totale assenza di traffico tra Porto Ercole e Porto Santo Stefano e lo straordinario ambiente naturale che offre sempre una vista sul mare fanno di questo itinerario una delle mete più interessanti per bikers e cicloescursionisti.

Si parte dalla piazza Mario Cortesini di Orbetello seguendo le indicazioni per Monte Argentario e Porto Ercole. Si pedala sulla ciclabile che segue la S.P. 161 nel bel mezzo della Laguna di Orbetello. Dopo 2 km si gira a sinistra in direzione di Porto Ercole e Cala Galera imboccando la S.P. 2 di Porto Ercole. Si oltrepassa il bivio per Cala Galera e dopo un piccolo dislivello si raggiunge Porto Ercole (6,2) con il porticciolo. La strada lambisce la porta d'ingresso al centro storico del borgo, l'hotel Don Pedro e con uno strappo in salita la S.P. 66 "Panoramica Porto Ercole" lascia il centro abitato immergendosi nel verde tra pini e macchia mediterranea offrendo una bella vista sulla costa e sull'Isolotto. La strada guadagna dolcemente quota per circa 4 km, fino allo scollinamento (10,5) dove inizia un tratto di discesa molto ripida.

Poche centinaia di metri dopo, di fronte allo sbarramento della vecchia strada (chiusa per frane), si continua a scendere fino ad un bivio: mantenere la destra verso il parcheggio, ignorando le indicazioni verso "Il Pellicano". Si oltrepassa un breve tratto di sterrato per poi pedalare sulla ripida rampa asfaltata che dopo 500 metri riporta sullo sterrato che procede in salita meno ripida fino allo scollinamento (11,9). Si comincia a scendere aggirando la Punta Avvoltore. Poco dopo si comincia a risalire sulla strada larga ma sconnessa. A questo punto del percorso il panorama è superbo sulla costa compresa tra Punta Avvoltore e Punta di Torre Ciana.

Dopo circa 1,5 km di salita si scollina nuovamente in presenza di un incrocio dove si prosegue dritti in discesa su un tratto sconnesso. Al successivo incrocio (14,4) si va ancora dritti tornando su strada pavimentata con asfalto: l'itinerario prosegue in discesa per 2,8 km e poi la strada si immerge in una fittissima macchia mediterranea con tante piante di corbezzolo e lentisco. Poco dopo la vista si apre sulla costa con la Torre delle Cannelle e sull'Isola Rossa mentre si guadagna quota dolcemente. La strada a questo punto fa una deviazione decisa verso l'interno per tornare poi sulla costa affacciandosi sulle rocce scoscese del litorale e sulla Torre di Capannelle e, più lontano, sulla Torre Ciana.

Aggirato il promontorio da cui si può vedere l'Isola Rossa e l'ampia Cala dell'Olio (21,5) la strada torna con decisione verso l'interno con un tratto di oltre 1 km molto impegnativo caratterizzato da ripidi e stretti tornanti. Poi si continua su salita pedalabile che asseconda la curva di livello con alcuni strappi in un ambiente meno selvaggio dove la macchia mediterranea lascia spazio a oliveti e muretti a secco. Si continua a salire per circa 2 km fino ad affacciarsi sul Capo d'Uomo (24,8) e poi scollinare e scendere per 1 km fino a un bivio (25,8) dove si gira a sinistra seguendo l'indicazione per la S.P. 65 "Panoramica" (proseguendo dritti si scende velocemente a Porto Santo Stefano).

La lunga e piacevolissima discesa su un fondo stradale ben asfaltato e scorrevole offre un bel panorama sulla costa con la Cala del Bove e l'isolotto di Argentarola e successivamente sulla Cala Grande. Raggiunta Porto Santo Stefano si pedala fino alla rotatoria (36,3) dove si prosegue in direzione Porto Ercole e Orbetello sulla S.P. 161 di "Porto Santo Stefano". Piccolo strappo in salita e poi discesa verso il litorale. Oltrepassata la località Pozzarello (37,8) si procede senza alcuna difficoltà fino ad Orbetello (45,5) con gli ultimi 2 km sulla via ciclabile in piena laguna già percorsa all'inizio. L'itinerario si chiude in Piazza Mario Cortesini (46,3) dove era cominciato.
  • directions_bike
    Mezzo di trasporto consigliato
    Bicicletta
&
In bicicletta