Torre Beccati Questo e Beccati Quello - Chiusi

Da Chiusi fino al lago in bici

Sull'itinerario del Sentiero della Bonifica

L'itinerario ha inizio nella stazione ferroviaria della città; attraversa poi le torri storiche di Beccati Questo e Beccati Quello, per arrivare infine al lago. Continuando a pedalare si scorge Montepulciano

PERCORSO
Partenza
: Chiusi (SI)
Arrivo: Lago di Chiusi
Distanza: 62 km circa
Dislivello: 20 m circa
Tipo di strada: sterrata
Livello di difficoltà: facile

Si comincia a pedalare dalla stazione ferroviaria di Chiusi raggiungendo facilmente l'inizio del sentiero. Il percorso parte proprio nel punto in cui si trova l'argine costruito in seguito al concordato del 1780 tra Granducato di Toscana e Stato Pontificio. L'argine segna il confine tra la Chiana Toscana che digrada verso l'Arno e la Chiana Romana che defluisce verso il Tevere. A poca distanza da qui si trova l'imponente Callone Pontificio che prima della costruzione dell'argine regolava l'immissione delle acque del lago di Chiusi verso il Tevere.
 

Lasciata alle spalle la collina di Chiusi si arriva ben presto presso le Torri di beccati Questo e Beccati Quello. la prima fu costruita nel 1427 dai sensi per difendersi dalle mire espansionistiche dei perugini che subito dopo costruirono la seconda. Ancora oggi sembrano segnare il confine tra Toscana e Umbria.
 

La prima parte del viaggio offre atmosfere di grande pregio naturalsitico. Si pedala infatti immersi nel verde delle zone circostanti il lago di Chiusi e subito dopo il lago di Montepulciano, luoghi ideali per piacevoli soste. I laghi sono la memoria dell'antica palude.  Il lago di Chiusi è anche luogo della leggendaria fuga di Santa Mustiola: perseguitata e imprigionata dall'imperatore riuscì a raggiungere le acque del lago e imbarcandosi sul suo mantello che le permise di navigare sulla acque. Sempre secondo la leggenda ancora oggi  è possibile vedere, il 3 luglio, la scia dorata della Santa sulle acque del lago.
 

I laghi costituiscono mete ambite dai naturalisti e birdwatchers, nel regno di aironi, anatre, garzette e tarabusini. In questo tratto il sentiero entra silenziosamente nella pace lacustre e si snoda lungo le rigogliose aree umide tra pioppi e salici. Nei pressi del lago di montepulciano il punto di riferimento per chi ama la natura e l'avifauna è l'Oasi LIPU che emtte a disposizione dei visitatori capanni e piattaforme per l'osservazione degli uccelli e la possiilità di navigare sulle acque del lago.


Per maggiori informazioni e curiosità

  • directions_bike
    Mezzo di trasporto consigliato
    Bicicletta
&
In bicicletta