fb track
Castello di Poppi

Idee per una vacanza nella storia

Una gita nel Casentino: il borgo di Poppi e il suo castello

Marta Mancini by Marta Mancini
Map for 43.755653,11.782463

Ogni stagione è il momento ideale per andare a scoprire borghi e paesi dell’entroterra. E in Toscana, come ben sapete, la scelta non manca. Recentemente vi abbiamo parlato di Anghiari e di Pontremoli ma la lista potrebbe essere molto molto più lunga. Oggi vi consigliamo invece una piccola realtà del Casentino: la città di Poppi.
Anche se non lo sapevate, forse avete già visto qualche scorcio o qualche panorama della zona perché il comico Leonardo Pieraccioni ha ambientato a Poppi, Laterina e Stia il suo film cult "Il Ciclone", una sorta di “bibbia” per ogni toscano che si rispetti.
Il paese, situato all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, è dominato dal possente Castello dei Conti Guidi (uno dei più importanti esempi di architettura medievale e una delle principali mete turistiche della Toscana) dove, attualmente, ha sede anche la Biblioteca Rilliana, dotata di 25 mila volumi antichi, 800 manoscritti (di cui 150 medievali) e oltre 700 incunaboli (una delle maggiori raccolte italiane).

Castello di Poppi
Castello di Poppi - Credit: Giorgio Rodano

Dalla corte del castello si accede anche alle antiche prigioni e al Museo della battaglia di Campaldino; mentre al primo piano spiccano il Salone delle Feste e il suo soffitto decorato con colori e motivi unici. Se Poppi è entrata a far parte del club dei borghi più belli d’Italia un motivo ci sarà. Le piazze e le vie principali del centro storico si presentano con porticati ininterrotti, una caratteristica che testimonia gli stretti legami con l’architettura della vicina Emilia Romagna. Tra una bottega e un laboratorio artigianale, si possono visitare la Badia di San Fedele, la più grande chiesa romanica del Casentino o l’Oratorio della Madonna del Morbo.

A pochi chilometri dal centro, si raggiungono facilmente altri centri di interesse come Badia Prataglia, dove si trova anche il Museo Forestale Carlo Siemoni, voluto dal Granduca Leopoldo II, Bibbiena, dove è possibile visitare il Museo Archeologico del Casentino, o ancora le praterie del Pratomagno e il Santuario della Verna. 

Info: prolococentrostoricopoppi.it

&
Arte e Cultura