fb track
Museo dell'Accademia Etrusca di Cortona
Photo ©MAEC - Museo dell'Accademia Etrusca e della Città di Cortona

Un viaggio ad arte in Toscana: musei e percorsi accessibili

Itinerari che garantiscono l'accesso al patrimonio culturale della Toscana

Già dal 2009, il persorso tattile della Galleria degli Uffizi, chiamato "Uffizi da toccare", è stato ampliato e potenziato. Ma il Polo Museale Fiorentino conta altri itinerari accessibili: un'idea dedicata ai non vedenti e agli ipovedenti per promuovere il patrimonio artistico e culturale. Ai partecipanti vengono distribuiti dei guanti speciali che consentono di cimentarsi in una "lettura tattile", scoprendo così storie, contenuti delle opere e le raffinate esecuzioni tecniche.

Uffizi da toccare: il percorso tattile per non vedenti e ipovedenti
Uffizi da toccare: il percorso tattile per non vedenti e ipovedenti

Vengono organizzati tour guidati al Museo Nazionale del Bargello e presso il Cenacolo di Andrea del Sarto; a Palazzo Pitti, invece, è stato inaugurato "Forma e materia attraverso il tatto”, percorso multisensoriale permanente che rende accessibile i suoi capolavori ai portatori di disabilità visiva, permettendo di vivere un’esperienza unica grazie alla possibilità di lettura tattile di alcune opere di grandi artisti.

Altra attività adatta ai non vedenti è al Palazzo dei Vescovi di Pistoia, sede del Museo "La città da toccare". Nell'esposizione si trovano una mappa tattile del centro storico e modellini in scala di alcuni edifici monumentali, quali il Palazzo comunale, la Cattedrale, il Battistero e la Basilica della Madonna dell’Umiltà. Tutto corredato da una serie di pannelli esplicativi in braille e da campioni dei materiali impiegati per le architetture come il marmo, la pietra serena, la pietra forte e il cotto. 

Esperienze tattili al MAEC di Cortona: riproduzione del lampadario
Esperienze tattili al MAEC di Cortona: riproduzione del lampadario

Servizi analoghi vengono garantiti anche dal MAEC, il Museo dell'Accademia Etrusca e della città di Cortona: oltre a garantire una completa mobilità interna per i disabili all'interno delle sale, la struttura mette a disposizione dei pannelli-guide in braille e delle riproduzioni di reperti destinati alla fruizione diretta da parte dei non vedenti.

Ci spostiamo infine in Val di Cornia e facciamo tappa presso il Museo Archeologico del Territorio di Populonia che, oltre ad essere completamente accessibile ai disabili, ha il nuovo percorso multisensoriale predisposto per non vedenti e ipovedenti. Il museo consente a tutti di comprendere e godere appieno di tre simboli della storia antica di Populonia: la tomba dei Carri (il monumento funerario meglio conservato nel Parco archeologico di Baratti e Populonia), il mosaico romano cosiddetto “dei Pesci” e l’Anfora argentea di Baratti.

Queste sono soltanto alcune idee per trascorrere il tempo libero per musei belli, interessanti e accessibili. Attività evergreen per scoprire la Toscana come più ci piace, rispettando le esigenze e le necessità di tutti. Per altri spunti o itinerari potete consultare il sito "Turismo senza barriere" che, oltre a proporre gite, ristoranti ed eventi, ha un'intera sezione che permette di trovare l'albergo o la sistemazione accessibile più vicina e adatta a chi viaggia. 

&
Etruschi