Tra saperi e sapori, uno slow tour del gusto tra Massa e Carrara

Un viaggio tra ristoranti, locande storiche e parchi naturali

Nel rispetto dell’alternarsi delle stagioni, si rinnovano rituali antichi, identitari, si ripropongono saperi e sapori legati al cibo tradizionale da condividere: ricchi piatti a base di castagne o cotti in “testi” di ghisa come mille anni fa, i “testaroli” di Pontremoli, conditi con il pesto, le torte d’erbi a base di erbe selvatiche, i funghi porcini, l’agnello di Zeri, o il panigaccio di Podenzana, cotto in testelli di terracotta, da gustare con gli ottimi salumi e formaggi nostrali.

Tra le specialità ricordiamo il Lardo di Colonnata IGP, il delizioso miele della Lunigiana DOP di acacia e di castagno, e i pani, particolari e unici nella loro diversità, realizzati con farina di castagne, o farina di mais e olive, ancora oggi cotti nel forno a legna.

Lungo la Strada del Vino dei Colli di Candia e di Lunigiana si incontrano poderi, agriturismi, enoteche e antiche botteghe, dove fermarsi per gustare o acquistare i vini e le prelibatezze del territorio, visitare cantine, mulini, o passeggiare tra i vigneti.

people
Le voci della rete
&
Enogastronomia