Photo ©Laudemio

Ventuno aziende agricole toscane riunite in un solo marchio di qualità

Sulla strada del Laudemio, il re dell'olio toscano

Ilaria Giannini byIlaria Giannini

Il colore è verde smeraldo, il profumo è inteso, il sapore indimenticabile. È il Laudemio, il re dell’olio toscano, prodotto con regole rigorose sulla qualità e la frangitura delle olive, che devono essere lavorate entro 24 ore dalla raccolta.

La raccolta delle olive nell'azienda Marchesi de' Frescobaldi
La raccolta delle olive nell'azienda Marchesi de' Frescobaldi

Sono ventuno le aziende toscane che producono questo extravergine di qualità certificato dal Consorzio del Laudemio, tra queste ci sono i Marchesi de’ Frescobaldi, con i loro splendidi oliveti nella tenuta di Pelago, nel cuore del Chianti Rufina. Qui si trova anche l’antico castello di Nipozzano, di proprietà della famiglia Frescobaldi, costruito nell’anno Mille: oggi ospita le cantine e può essere visitato su prenotazione.

Il castello di Nipozzano a Pelago
Il castello di Nipozzano a Pelago

Il Laudemio è al centro, insieme ai vini doc, delle degustazioni al castello di Nipozzano: il suo sapore si sposa bene con piatti delle tradizione toscana, come i crostini con i fagioli cannellini, la tagliata o la zuppa di farro.

Vino e Laudemio dei Marchesi de' Frescobaldi
Vino e Laudemio dei Marchesi de' Frescobaldi
Crostini toscani conditi con il Laudemio
Crostini toscani conditi con il Laudemio

Un'altra storica azienda agricola toscana a produrre il Laudemio è la Gonnelli 1585, a Reggello, che coltiva con amore e dedizione 52mila piante di olivi tra Firenze e Siena. L'oliveto da cui nasce il Laudemio è quello situato più in alto: la quantità prodotta è minore, ma la qualità è superba.

Le olive in lavorazione nell'azienda Gonnelli 1585
Le olive in lavorazione nell'azienda Gonnelli 1585

La Gonnelli è proprietaria anche di uno dei più antichi frantoi ancora attivi d'Italia, quello di Santa Tea, che risale al 1424. A Reggello si può visitare il museo del frantoio e ammirare la macina del 1800: una sosta nello shop dell'azienda è d'obbligo, per riportare a casa un po' del profumo pungente dell'olio appena franto.

 

Per conoscere l'elenco completo dei produttori che fanno parte del consorzio Laudemio, clicca qui.

&
Enogastronomia