Pietrasanta

Pietrasanta: passeggiata nella piccola Atene della Versilia

Monumenti di marmo e botteghe artigiane

Pietrasanta, antica capitale del Capitanato mediceo della Versilia, fondata nel 1255 da Guiscardo da Pietrasanta, podestà di Lucca, è oggi il centro storico più importante della zona.

Nella piazza principale si affacciano il Duomo di San Martino (sec. XIV), il Battistero (sec. XVI), la Chiesa di Sant’Agostino (sec. XIV), l’Archivio Storico (Palazzo Moroni) e l’ex convento, oggi sede del Centro Culturale Luigi Russo e della Biblioteca Comunale, nel cui chiostro si trovano interessanti affreschi. Insolita è anche la Torre campanaria in mattoni, costruita alla fine del 1500.
 
Tutt’intorno è possibile vedere, inoltre, vestigia delle antiche Rocche delle Mura cittadine. Sulla piazza si trova anche a Torre delle Ore (sec. XVI) e la statua del Granduca di Toscana, Leopoldo II. Nel centro storico, lungo le vecchie strade del borgo, si trovano le caratteristiche botteghe artigiane del marmo che sono ormai un punto di riferimento per moltissimi artisti italiani e stranieri.

Ai più temerari, in possesso magari di una bicicletta sportiva, si consiglia di allungare la gita fino alle pendici della collina che, alle spalle di Pietrasanta, sovrasta l’intera Versilia. La zona si raggiunge imboccando la salita che dalla piazza dello Statuto (costeggiando la zona dell’ospedale) sale, in un panorama affascinante, fino alle località di Capriglia e Capezzano Monte (m. 400 s.l.m.), completamente immerse negli oliveti.