sorano

Parco Archeologico "La Città del Tufo"

Un affascinante itinerario nella città del tufo alla scoperta di tombe etrusche, della necropoli rupestre di Vitozza e dell'imponente Fortezza Orsini

Inaugurato nel 1998 grazie alla collaborazione tra Comune di Sorano, Regione Toscana e Soprintendenza Archeologica della Toscana, il Parco Archeologico è oggi interamente gestito dall'amministrazione comunale. Il Parco Archeologico Città del Tufo offre al visitatore la possibilità di vedere ed interagire con un paesaggio rimasto intatto e caratterizzato dalla roccia vulcanica che da il nome al parco, incisa da profondi valloni, ricchi di vegetazione, dai quali emergono rupi isolate e assolate, spesso erose dagli agenti atmosferici con forme di singolare bellezza.

Altrettanto particolare risulta il rapporto dell'uomo con questo territorio sin dalle epoche più antiche. Le più antiche frequentazioni dell'area risalgono alla preistoria e si sviluppano senza soluzioni di continuità sino ad oggi, con forme e architetture mediate e arricchite dai tufi. Di certo la fase storicamente più interessante è quella etrusca che ha il suo apogeo a Sovana (successivamente patria di Ildebrando da Sovana, meglio conosciuto come Papa Gregorio VII) riconoscibile soprattutto nelle sue circostanti necropoli contraddistinte da numerose tombe monumentali tra le quali si ricordano l'ldebranda (che deve il nome ad una dedica fatta per ricordare il cittadino più illustre del paese), la Pola, Il Sileno, la Pisa e la Sirena.

In prossimità della Tomba Ildebranda è stata di recente individuata, grazie alla collaborazione con l’Università di Venezia, una nuova tomba ad edicola detta dei Demoni Alati, che eccezionalmente conserva un apparato decorativo scultoreo nella posizione di caduta e offre la possibilità di una ricostruzione integrale del monumento. A causa del precario stato di conservazione della struttura si è proceduto con urgenza alla messa in sicurezza del monumento e in successivi interventi nel corso del 2005-2006 si è provveduto al sollevamento dei blocchi, alla pulitura e da ultimo allo scavo all’interno del nicchione, posto al centro della facciata, e al consolidamento degli strati pittorici conservati. E’ in corso l’elaborazione di un progetto per il restauro del monumento. La tomba presenta nella nicchia centrale la rappresentazione scultorea del defunto banchettante, nella iconografia ben nota dei coevi sarcofagi, e conserva eccezionalmente inalterato il rivestimento policromo. Ai lati del nicchione centrale si ergevano due statue di demoni alati (ben conservata quella di sinistra da identificare con Vanth), mentre il frontone soprastante presenta a rilievo un demone marino, alato e con code pisciformi. Nella platea davanti alla facciata, erano due sculture a tutto tondo poste su alti podi, di cui è ben conservata quella di sinistra, raffigurante un leone. Sulla base della tipologia architettonica la tomba è databile nella seconda metà del III secolo a. C. e costituisce l’esempio più significativo di tomba ad edicola con figura di recumbente, oggi conosciuta.

Il Parco è visitabile partendo dal Centro Visite di Sovana, all'interno del quale è allestita la mostra Etruschi a Sovana. Le necropoli rupestri, raggiungendo poi le vicine necropoli etrusche, proseguendo poi per l'insediamento rupestre medievale di San Rocco (punto panoramico di notevole bellezza), raggiungendo Sorano e la Fortezza Orsini che ospita il Museo del Medioevo e del Rinascimento (qui è possibile visitare, accompagnati, i suggestivi camminamenti sotterranei) e da qui proseguire per l'insediamento rupestre di Vitozza che consta di circa 200 grotte utilizzate in passato e oggi aperte al pubblico. Sempre a Vitozza vengono organizzati campi scuola archeologici e ambientali con esercitazioni sul campo compresa l'attività di scavo.

E' possibile usufruire inoltre del servizio didattico e di guida, del servizio equestre (passeggiate a cavallo) e del volo in mongolfiera, il tutto su prenotazione.

ORARI Continuato: 1 Gennaio - 6 Gennaio e 15 Marzo - 3 Novembre 2002, ore 09:00/19:00 Ridotto: 7 Gennaio - 14 Marzo e 4 Novembre - 12 Dicembre 2002, solo Venerdì-Domenica ore 09:00/17:00
 
Info

Parco Archeologico “Città del Tufo”
Tel. +39 0564 614074/633767
Fax +39 0564 617924

 

Comune di Sorano
Tel. +39 0564 633023
Fax +39 0564 633033

 

Ufficio informazioni Pitigliano
Tel./fax +39 0564 617111
infopitigliano@lamaremma.info

 

Pro Loco Sorano
Tel./fax +39 0564 633099