Montepulciano: 5 eventi da non perdere quest'estate

Terra del Vino Nobile, di tradizioni e di paesaggi mozzafiato: non serve fare grosse premesse per parlare di Montepulciano, fiore all'occhiello della provincia di Siena. Quest'estate è un ottimo momento per visitare la città: ecco gli eventi in programma da non perdere!

Cantiere Internazionale d’Arte (dall’11 luglio al 1 agosto)

Il Cantiere di Montepulciano in Piazza Grande
Il Cantiere di Montepulciano in Piazza Grande

Con questa del 2015 il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano giunge alla quarantesima edizione. 40 come gli appuntamenti dislocati su 8 centri delle Terre di Siena (Montepulciano, Cetona, Chianciano Terme, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena e Trequanda) nell’arco di 22 giorni. Opera lirica, concerti sinfonici e cameristici, danza contemporanea, teatro, jazz e concerti di mezzanotte; oltre 400 gli artisti internazionali coinvolti nel tema ambizioso: Terra, guerra e pace. Per informazioni: www.fondazionecantiere.it 

Bruscello Poliziano – Il Decamerone (dal 13 al 16 agosto, ore 21,30. Piazza Grande)

Teatro popolare a Montepulciano [Foto di Alessandro Gaziano]
Teatro popolare a Montepulciano [Foto di Alessandro Gaziano]

Il Bruscello rappresenta uno degli spettacoli legati alla tradizione più importanti; e questo non solo per Montepulciano ma anche per un’area circostante molto vasta. Data l'articolazione dell’opera di riferimento, il Decamerone di Boccaccio, il Bruscello di quest’anno non vuole e non può affrontare di certo le celebri cento novelle. Il taglio scelto sarà rispettoso delle caratteristiche di base che il Bruscello ha da sempre nel suo impianto: l’amore e l’odio, le danze e gli stornelli, l’inganno e il travestimento; e soprattutto la gioia, che quest’anno sarà certamente prevalente sulla tristezza. Per informazioni: www.bruscello.it 

Bravìo delle Botti - Centro Storico di Montepulciano (ultima domenica di agosto)

Eventi e rievocazioni storiche di Montepulciano
Eventi e rievocazioni storiche di Montepulciano

L’ultima domenica di agosto – quest’anno il giorno 30 - si svolge a Montepulciano il tradizionale Bravìo delle Botti, rievocazione storica di una sfida tra le otto contrade cittadine, che in passato gareggiavano con i cavalli ed oggi con le botti. Quest’ultime, del peso di 80 kg, vengono fatte rotolare da due atleti, detti “spingitori”, lungo il percorso in salita di circa 1600 metri, che si snoda tra le vie del centro storico fino al traguardo, situato in Piazza Grande, sul Sagrato del Duomo. La corsa è preceduta da un affascinante corteo storico composto da oltre duecento figuranti che sfilano offrendo giochi di bandiere, suoni di tamburi e immagini d’altri tempi. Per informazioni: www.braviodellebotti.com 

Live Rock Festival (dal 9 al 13 settembre)

Benjamin Stanford, in arte Dub FX, street performer di origini australiane
Benjamin Stanford, in arte Dub FX, street performer di origini australiane

Dal 9 al 13 Settembre, torna il festival che ha fatto di Acquaviva, frazione di Montepulciano, un punto di riferimento per il grande rock. Il Live Rock Festival è infatti tra i festival gratuiti più autorevoli d’Italia con grande musica internazionale, originalità artistica, attenzione ecologista, qualità eno-gastronomica, e tanta vitalità giovanile. L’arena dei Giardini ex-Fierale accoglie migliaia di giovani appassionati, che qui possono condividere la curiosità per le proposte di un festival indipendente e sempre più alternativo. Per informazioni sui concerti: www.liverockfestival.it 

Dalla macchia al Decadentismo - Dipinti privati nelle Terre del Poliziano (fino a domenica 1 novembre)

Dalla Macchia al Decadentismo
Dalla Macchia al Decadentismo

Una mostra di ampio respiro che vede esposti circa 120 dipinti e disegni provenienti dalle raccolte di collezionisti legati alla terra del Poliziano. Allestita a Montepulciano, prende avvio da dipinti dei più importanti macchiaioli - Abbati, Borrani, Signorini, Lega, Fattori - per giungere a opere novecentesche, toccando i vari generi della pittura: paesaggio, ritratto, vita dei campi, veduta urbana, vita contemporanea. Al nucleo dei pittori che a Firenze negli anni Sessanta dell’Ottocento elaborarono la ‘macchia’, seguono i protagonisti del Naturalismo toscano e quindi gli artisti più impegnati, sull’onda delle istanze del nuovo secolo, nel rinnovamento dei linguaggi pittorici.