Il Parco della Maremma

Lungo le strade dei fiori nel Parco regionale della Maremma

Dalla campagna al mare natura e colori

Il Parco regionale della Maremma - o dell'Uccellina, dai monti che lo caratterizzano per la quasi totalità - presenta numerosi e diversificati ecosistemi di interesse naturalistico assai ben conservati. Le vaste paludi della Trappola presso la foce dell'Ombrone, gli ecosistemi dunali costieri e le macchie di sclerofille sempreverdi sulle colline calcaree sono i punti di maggior pregio ambientale e botanico, assieme alla vasta pineta di Marina di Alberese, realizzata in concomitanza con le bonifiche planiziali. Vasti appezzamenti agricoli, oliveti secolari e pascoli in cui vagano mandrie di caratteristiche vacche maremmane e di cavalli rappresentano i più significativi paesaggi antropici della zona.

Le paludi della Trappola occupano la parte settentrionale del parco, con un'alternanza di stagni aperti, di canneti e di prati umidi con giuncheti e popolamenti di carici. Nella comune flora palustre caratterizzata da specie come la cannuccia di palude, i giunchi spinoso e marittimo si trovano altre entità più rare fra cui numerose carici, la canna di Ravenna, il falasco, la blacstonia, il ranuncolo a foglie d'ofioglosso e diverse altre comprese alcune specie di salicornia, fra cui la rara salicornia strobilacea presente, assieme ad altre specie, nelle zone più salmastre della palude.

Lunghi cordoni dunali caratterizzano la costa sabbiosa a sud di Bocca d'Ombrone e di Marina di Alberese, fino a Collelungo ed oltre. Si tratta di dune più o meno elevate consolidate da densi ciuffi di ammofila e di gramigna delle spiagge che separano la spiaggia vera e propria dagli ambienti retrodunali con camomilla marina, elicriso, crucianella, coda di lepre, santolina delle spiagge, soldanella ed altre specie.

Alle spalle della spiaggia e della macchia a ginepri si estende una vasta pineta di pini marittimi verso il mare e di pino domestico verso l'interno: si tratta, come sempre in Toscana, di pinete artificiali realizzate contemporaneamente alle bonifiche dal 1830 in poi. Il sottobosco, più o meno denso, è formato da specie arbustive sclerofilliche tipiche degli ambienti aridi mediterranei.

Queste stesse specie caratterizzano gran parte della macchia che ammanta le vaste ed aspre colline della zona, punteggiate di torri antiche ed altri insediamenti medievali; agli arbusti suddetti si aggiungono frequentemente il ginepro fenicio, il leccio, la sughera, il corbezzolo l'olivo sia selvatico che coltivato in oliveti secolari, nonché alcune piante rare, come la palma nana e l'euforbia arborea arroccate sulle rupi più inaccessibili. Fra le piante erbacee primaverili le più belle e preziose fioriture sono senz'altro quelle delle orchidee spontanee.

Ente Parco Regionale della Maremma
Centro Visite di Alberese
Via Bersagliere, 7/9 - Alberese (GR)
Tel. +39 0564 407098 - Fax. +39 0564 407278
centrovisite@parco-maremma.it
www.parco-maremma.it
 
&
Scopri questa zona turistica
Maremma
Ampie distese in cui perdere lo sguardo, campi di grano, di girasole, una rotaia che taglia la campagna alle spalle di una pineta sul Tirreno. ...
Scopri Maremmakeyboard_backspace