fb track
Villa medicea di Poggio a Caiano

In viaggio da Prato a Carmignano tra arte e storia

Un territorio ricco di cultura e tradizioni

Map for 44.02195,11.080092
Percorsi tra arte, storia, sapori e tradizioni per conoscere la Valle di Bisenzio in tutta la sua bellezza.

Itinerario Mediceo- I territori dei comuni di Carmignano e Poggio a Caiano furono, fra i diversi possedimenti toscani dei Medici, quelli preferiti da Lorenzo il Magnifico, da Francesco I e dal granduca Ferdinando, ognuno di loro amanti delle belle dimore di campagna, della natura, delle cacce, delle grandi feste nei giardini.

Itinerario delle fortificazioni - L’itinerario inizia da Prato, percorre la Val di Bisenzio, scende a Montemurlo per concludersi a Carmignano. Non è un percorso storicamente sistematico perché le vicende delle zone citate non erano legate da uguali destini. Il territorio è abbastanza limitato, ma la sua forma fortemente allungata (a Nord fino al bolognese) lo inserisce in una zona molto contesa fra Firenze e Pistoia, città antagoniste nel Medioevo, che guerreggiavano fra loro per il possesso di questo o di quel Castello che spesso dovevano approntare autonomamente le proprie difese.

Itinerario d’Arte Contemporanea - Sono pochi i territori in Italia, ma anche in Europa, che possono vantare un rilevante patrimonio d’arte contemporanea come Prato e il suo territorio. Questo è in gran parte dovuto alla presenza e all’attività del Centro per l’Arte Contemporanea “Luigi Pecci”, diventato il polo d’attrazione e di sviluppo delle più recenti ricerche artistiche contemporanee a livello internazionale, nonché alla significativa presenza nel tessuto urbano di numerose opere d’arte che molto bene si sono integrate nel paesaggio e nello spirito di questo luogo e di queste genti.

Prato vanta un rapporto sorprendente con le opere d’arte “en plain air”, cioè nello spazio comune e alla luce del sole; ciò fa sì che la città mantenga ancora oggi il suo ruolo d’avanguardia nella produzione di tessuti innovativi, ma anche per le grandi opere di scultura collocate in punti nevralgici del territorio.