Il mare di Baratti e Populonia

Il mare degli Etruschi: suggestivi percorsi tra archeologia e natura

Esperienza da sogno da Piombino a Populonia

Piombino, antico porto di Falesia, è una cittadina poliedrica che include nel suo territorio località e siti di notevole interesse. Sulle strade lastricate che risalgono dal mare al centro si concentrano tipici ristorantini, enoteche ed osterie dove potrete degustare la vera cucina marinara a base di pesce povero abbinato agli strutturati vini della zona.

Sono molteplici i piatti tradizionali da provare: dal baccalà con le patate al cacciucco, al polpo, alle seppie, alle cozze preparate preferibilmente al guazzetto o ripiene con tutti gli aromi locali. Una passeggiata per le vie della “Piccola Parigi”, come fu denominata a seguito del governo di Elisa Bonaparte, vi rivelerà poco a poco le antiche origini di questa cittadina.

Da segnalare il Torrione, il Rivellino, le numerose chiese custodite all’interno delle mura, il Palazzo Nuovo, così come il cinquecentesco castello fatto costruire da Cesare Borgia a difesa della città. Qui ogni anno in estate viene organizzata “Agosto con gusto”, una importante manifestazione enogastronomica ove folclore e cucina di territorio si abbinano ai migliori vini della pregiata DOC della Val di Cornia.

Per chi ama l’ambiente, la storia e l’archeologia, il Museo della Cittadella e della Città è il luogo ideale per ammirare le numerose testimonianze ed i reperti di epoca preistorica, etrusca e romana, ritrovati sul territorio. Dalla città, lungo la costa, si snodano alcuni itinerari naturalistici percorribili in bicicletta e a piedi che costeggiano il porto turistico di Salivoli, nelle cui vicinanze sono localizzate piccole cantine aperte per visite e degustazioni. A seguire vi consigliamo una sosta golosa a base di crostacei e pesce alla griglia nell’incantevole Baia di Calamoresca.

Da Piombino si raggiunge il celebre borgo medievale di Populonia e, proseguendo in direzione del golfo di Baratti, il Parco archeologico di Baratti-Populonia, dove è possibile visitare l’unica necropoli etrusca costruita sul mare e reperti archeologici rintracciabili lungo sentieri segnalati.