Photo ©Marta Mancini

Estate ad alta quota in Toscana Tra sport, storia e natura

Una montagna inedita da scoprire

Pochi toscani forse sanno che la loro terra è stata scelta come dimora da alcuni dei più grandi artisti di tutti i tempi. Giovanni Pascoli e Ludovico Ariosto sono soltanto alcuni dei poeti che hanno lasciato un'impronta forte e significativa. In particolare, i due autori hanno arricchito la regione della Garfagnana, una valle incastonata tra le Alpi Apuane e l'Appennino Tosco Emiliano. Il suo nome significa letteralmente Grande Selva: ciò è dovuto all'estensione rigogliosa dei suoi boschi.
Le Apuane
Le Apuane
È propria questa natura incontaminata e verde ad ispirare l'arte e la cultura. A Castelnuovo Garfagnana e a Castelvecchio, due piccoli borghi sulla montagna lucchese, sono ancora visitabili le antiche abitazioni di Ariosto e Pascoli: un'occasione per riscoprire la storia del territorio e valorizzare siti di eccellenza.

L'estate è la stagione ideale per visitare e per vedere questa zona da un punto di vista inedito. Oltre alle bellezze paesaggistiche naturali, come il lago Gramolazzo, il Parco dell'Orecchiella e la magnifica Grotta del Vento, la montagna toscana offre ben altre attrazioni, soprattutto per gli amanti dell'aria aperta e dello sport.
 
Sul Monte Amiata, all'Abetone e alla Doganaccia sono in programma molti eventi e iniziative all'insegna dell'adrenalina: da luglio fino a settembre, gli appassionati di freeride downhill, trekking, corsa in salita e bici enduro hanno l'opportunità di mettersi alla prova e confrontarsi in gare e competizioni fino all'ultimo respiro.

Il viaggio non sarebbe tale se non si concludesse con una pausa in uno dei ristoranti tipici, dove è possibile degustare i piatti e le ricette della montagna toscana. Funghi e porcini, formaggi, cacciagione e vari tipi di miele: prodotti adatti ad ogni gusto e palato. 
&
Enogastronomia