Gombitelli

Camaiore in bicicletta: a spasso tra i borghi dell'Alta Freddana

Tanti paesi da scoprire lungo un suggestivo itinerario

Sulle colline che si affacciano sulla valle del torrente Freddana, nel comune di Camaiore, si trovano paesi caratteristici come Orbicciano, Fibbiano, Gombitelli, che vale la pena di conoscere e si prestano a un facile percorso in bicicletta fuori dalle vie più battute dal traffico automobilistico.

Il percorso parte da Pioppetti, la località che si trova sulla via Provinciale Camaiore-Lucca, poco dopo il valico del Montemagno (sul luogo sorge un monumento in ricordo dell'eccidio nazista nel corso della seconda guerra mondiale). Dopo qualche chilometro la strada sale in maniera ripida e costante e oltrepassato il bivio per Orbicciano si prosegue in ambiente più aperto e panoramico, fino al paese di Fibbiano (a questo punto i chilometri percorsi sono 8, e ci troviamo a circa 450 metri d'altezza). Entrambi questi centri sono interessanti da visitare, avendo mantenuto intatte le loro caratteristiche costruzioni in pietra.

Seguendo una mulattiera a gradini si raggiunge la sommità del paese e oltrepassato il cimitero si prosegue per una carrareccia ripida e solo a tratti pedalabile. A un primo bivio ci si tiene a sinistra e dopo poco si abbandona questa strada sterrata, inoltrandosi per un sentiero distinguibile da segni rossi e bianchi sulla sinistra. Dopo un breve tratto si giunge al bivio con Lucese-Montemagno (a questo punto i chilometri percorsi sono 9,5); si prende la direzione Montemagno e dopo alcuni saliscendi si incrocia una strada asfaltata. La si attraversa - continuando a seguire i segni rossi e bianchi - tornando su di un sentiero abbastanza agevole e molto panoramico, che ci porta su una strada asfaltata, poco a monte di Gombitelli.

Gombitelli è un altro caratteristico borgo del comune di Camaiore, noto in passato per la lavorazione del ferro (e ancor oggi per una rinomata produzione di lardo), degno d'interesse anche in quanto 'isola linguistica', in posizione panoramica sulla valle della Freddana. Si attraversa il paese passando per le caratteristiche viuzze, e si scende quindi fino a una curva a sinistra, riconoscibile da uno spiazzo con piccola cappella. Qui sono nuovamente visibili i segni rossi che salgono per una cinquantina di metri, che conducono a un nuovo bivio. Si svolta a destra per lo sterrata che scende agevole nel bosco, diventa quindi asfaltato e giunge a Montemagno. Raggiunto il valico (segnalato da un caratteristico leccio secolare) si imbocca una strada a sinistra che conduce all'abitato di Capanne, si svolta a destra e subito dopo un'abitazione si svolta nuovamente a sinistra, si inizia quindi a scendere lungo una strada sterrata e tenendosi sempre sulla sinistra si giunge a Panicale, sulla strada proveniente dal Monte Pitoro. Girando a sinistra in breve si è di nuovo a Pioppetti, dove abbiamo iniziato l'itinerario, che a questo punto ci avrà portato a percorrere 17 chilometri.