Mountain bike

Avventure nella Val d'Arbia: in bici lungo la Via delle Miniere

In mountain bike lungo percorsi nella natura

Nella Valdarbia la Via delle miniere è un itinerario affascinante che tutti gli anni diventa il palcoscenico della Gran Fondo della Valdarbia, gara agonistica di mountain bike, ma che può essere tracciato tutto l'anno.

Il percorso si sviluppa quasi interamente sul lato ovest del Comune di Murlo, dove predominano i boschi di macchia mediterranea della bassa Val di Merse e le aspre gole scavate dai torrenti Crevole e Crevolicchio. Qui sono previsti due percorsi, uno escursionistico di 21,5 km ed uno agonistico di 34 km.

Al 2° km la prima salita (Poggio Aguzzo), 500 mt con una pendenza media del 12,80%, dopodichè si attraversa la zona di Poggio Civitate dove sono stati rinvenuti numerosi reperti etruschi oggi custoditi nel locale Museo Archeologico. Si scende brevemente con un divertente single track fino al podere Montorgiali, dove si rientra nella strada che conduce all'Abbazia di Montepertuso.

Poco prima dell'Abbazia si svolta a destra per affrontare la discesa delle Carbonaie, un tecnico single track che ci porta al guado del torrente Crevole nei pressi di Molin dei Frati. Si guada il torrente e passando sotto la ferrovia si risale verso l'Apparita. E' una bella salita lunga circa 1.2 km, con alcuni tratti impegnativi sia tecnicamente che per dislivello e con una pendenza media del 12,30%. Si sviluppa interamente nel bosco e prende il nome dal podere (L'apparita) che si apre in una radura sulla sommità .

Dall'Apparita si procede ancora nel bosco per circa 2 km, con alcuni saliscendi che passano per i borghi di Resi e dell'Olivello. Da qui ci si immette nella suggestiva discesa del "Serpentaio", che ci conduce alle Miniere di Murlo. Si prosegue poi lungo il torrente Crevolicchio per affrontare la salita di Terre Rosse fino al bivio per la strada di Farnese; ancora pochi metri di salita e poi veloce discesa che ci porta sotto lo strappo del Poggetto, breve ma impegnativo; da qui veloce discesa e poi ancora un piccolo strappo per arrivare a Vescovado Vescovado e concludere il primo giro.

Gli agonisti fanno un ulteriore giro di 12 km, risalendo agli Scavi Etruschi per affrontare la discesa di Montorgiali fino al paesino delle Miniere. Da qui ci si reimmette nella parte conclusiva del primo giro e si ritorna all'arrivo finale, posto sempre a Vescovado.
   
Fonte: ciclisticavaldarbia.it