Un viaggio lungo la Via Francigena, tra Buonconvento e Torrenieri

Accecati dalla bellezza

Di nuovo in cammino. La mattina possiamo dormire e rilassarci un po' al campeggio. Alle 11.30 scendiamo a piedi verso la stazione ferroviaria di Siena dove prendiamo il regionale per Buonconvento. La linea è a binario unico e entra con un po' di irruenza nel paesaggio toscano, che piano piano ci inghiottirà.

In marcia sulla Francigena
In marcia sulla Francigena

Arriviamo a Buonconvento, tipica città-strada lungo la via Francigena, ricordata perchè nel 1313 vi morì l'imperatore tedesco Arrigo VII. Qui la Francigena diventa via Cassia, l'importante via consolare romana che congiungeva Firenze a Roma, modificata nel medioevo. Le strade che percorriamo sono le stesse de L'Eroica, un percorso ciclo-turistico d'epoca (i partecipanti devono avere vecchie biciclette e costumi d'epoca), Il sole si fa sentire, ma dopo pochi fastidiosi chilometri su una strada asfaltata, il paesaggio che si manifesta intorno a noi ha dell'incredibile.

Accecati dalla bellezza
Accecati dalla bellezza

Le vigne e le dolci colline vengono tagliate dalle strade bianche e alberate. I colori sono il verde della campagna, il rosso dei papaveri, il giallo delle margherite. Gli odori sono quello inebriante del gelsomino, quello pungente di un fuoco appiccato da qualche parte, quello indescrivibile della campagna di giugno. I rumori, infine, sono quello ritmato dei nostri passi sulla strada sterrata, il canto degli usignoli, l'abbaiare dei cani a guardia dei poderi.

Vigne francigene
Vigne francigene

Su tutto regnano le vigne del mito: siamo nella terra del Brunello di Montalcino, anche se il paese lo osserveremo soltanto da lontano, senza avvicinarsi. Un tratta francigena quasi surreale, tanto bella e piacevole da camminare. Siamo accecati dalla bellezza. Provo a descriverla con le foto ma è impossibile racchiuderla in un quadrilatero.

Attori e viandanti
Attori e viandanti

Arriviamo a Torrenieri ("Turrenier" secondo Sigeric), luogo di sosta strategico sulla via Francigena. Siamo circa a metà del cammino, gli abitanti ai lati scrutano incuriositi i giovani e belli attori-viandanti in cammino. Inizia l'ultimo tratto in salita, la durezza del pendio trova conforto nella visione del paesaggio. Facciamo delle soste, ci perdiamo e ci rincontriamo come accade sempre. Manca poco all'arrivo; entrati dalla Porta Senese, San Quirico d'Orcia ci accoglie con la bellissima Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta. Il borgo è delizioso: edifici storici, caffè, turisti e cittadini a passeggio. Attraversiamo tutta la via centrale uscendo dalla Porta Romana per raggiungere il nostro albergo Il Garibaldi dove ci attende un'ottima cena. [sp]

&
Francigena e vie della fede