collectionsMostre

In mostra ad Arezzo "Il Grand Tour e le origini del 3D"

Un viaggio nel tempo e nello spazio con 300 fotografie stereoscopiche originali

Non è la solita mostra. È un duplice viaggio: nel tempo, perché ha luogo più di cento anni fa, tra il 1850 e il 1910. E nello spazio, attraverso l’Europa e il Mediterraneo, dai fiordi norvegesi alle piramidi dell’Antico Egitto, alla scoperta di un mondo che non esiste più. Ed è un viaggio straordinario, in 3D: tecnica oggi diffusa al cinema e in televisione, ma inventata nella seconda metà dell’800. Allora si chiamavano stereoscopie, ma l’effetto era lo stesso: “entrare” nelle immagini, quasi a toccare con mano cose e persone, sentendosi dentro a quel luogo, in quel preciso momento. La mostra “Il Grand Tour e le origini del 3D” è ospitata negli spazi espositivi della Basilica di San Francesco ad Arezzo, con una sezione dedicata all’archeologia presso il Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate. Le fotografie stereoscopiche esposte ripercorrono tutti gli itinerari principali dell’Ottocento e del Novecento con i suoi luoghi più celebri e più visitati, offrendo al pubblico di oggi la rara possibilità di rivedere come dal vero, in 3D, le immagini di quel meraviglioso viaggio.
Quando
Dal 01 aprile
al 01 novembre 2017
Dove
Piazza San Francesco
Organizzazione
Munus
Tel. 06.88522480
Orari e prezzi
Basilica di San Francesco: dal lunedì al venerdì 9.00-19.00, sabato 9.00-18.00, domenica 13.00-18.00. Museo Archeologico Nazionale Gaio Clinio Mecenate: dal lunedì alla domenica 8.30-19.30
Solo mostra: intero 6,00 €; ridotto 4,00 €; Scuole gratuito