Default
music_noteMusica

Il 2018 dell'ORT si apre con Opera, concerti e spettacoli per bambini

Gli appuntamenti del mese di gennaio prenderanno il via martedì 9 con il maestro Federico Maria Sardelli

Prosegue la stagione concertistica dell’Orchestra della Toscana che con il nuovo anno vedrà salire sul podio uno dei maggiori specialisti vivaldiani, il maestro Federico Maria Sardelli capace di muoversi con disinvoltura dalla musica medievale fino a quella di fine Settecento. In questo concerto che si terrà il 9 gennaio al Teatro Verdi di Firenze, il 10 al Teatro Excelsior di Empoli e l’11 al Politeama di Poggibonsi, il direttore e musicologo livornese fa rivivere autori dimenticati dalla storia, come Anton Filz e Johann Martin Kraus, o un tantino trascurati (tipo il figlio di Bach, Carl Philipp Emanuel. Il tutto per comprendere meglio su quale terreno sia fiorito lo stile classico viennese espresso da Haydn e Mozart, anche loro parte del programma (repliche a Empoli e Poggibonsi). Sabato 13 gennaio appuntamento dedicato ai bambini e perché no anche agli adulti al teatro Verdi di Firenze. Alle ore 16.30 andrà in scena “Bustric e la musica del libro della giungla”. Si tratta, non del cartone disneyano del 1967 musicato dai fratelli Sherman, ma della celebre partitura di Miklos Rozsa, compositore ungherese naturalizzato statunitense che ha firmato il primo “Libro della Giungla” (Jungle Book), film di Zoltan Korda nel 1942. Sergio Bini, in arte Bustric, narratore e interprete allo stesso tempo, racconta la storia del cucciolo Mowgli indossando i panni di un viaggiatore indiano, con turbante e scarpe d’oro, in viaggio con la sua splendida bicicletta. Un po’ clownesco per alcune trovate e un po’ come un cartone animato, senza mai ricorrere all’iconografia disneyana, è uno spettacolo a trasformazione, un puro divertimento, un esercizio di stile firmato Bustric. Sabato 20 e domenica 21 gennaio 2018 al teatro Goldoni di Livorno l’Orchestra della Toscana torna a confrontarsi con l’opera lirica con la “Pia de’ Tolomei” di Gaetano Donizetti. “Ricorditi di me, che son la Pia; / Siena mi fé, disfecemi Maremma: / salsi colui che ‘nnanellata pria / disposando m’avea con la sua gemma”. Sono questi gli struggenti e celebri versi con cui Dante nel canto V del Purgatorio seppe dare voce e vita immortale ad una nobildonna soave e pudica la cui figura è tuttavia rimasta avvolta in un alone di mistero. Storia di gelosia, morte e perdono, Pia de’ Tolomei è un’affascinante e coinvolgente tragedia lirica tutta da scoprire di Gaetano Donizetti, uno dei compositori italiani che ha fatto la storia del melodramma, autore di capolavori assoluti come Lucia di Lammermoor e L’elisir d’amore. Un’autentica rarità per le scene, fortunatamente riscoperta negli ultimi anni da palcoscenici prestigiosi. Dopo il debutto a Pisa, l'opera replica sabato 20 e domenica 21 gennaio al Goldoni di Livorno, dove ebbe le sue uniche rappresentazioni nell’estate del 1862. La Stagione Lirica del Goldoni torna così al primo Ottocento italiano e al repertorio belcantistico; composta per il Teatro La Fenice di Venezia, Pia de’ Tolomei (che, per la distruzione de La Fenice a causa di un incendio, debuttò il 18 febbraio 1837 al Teatro Apollo, oggi Teatro Goldoni), fu riscoperta in epoca moderna a Siena nel 1967. La sua fortuna esecutiva si è rafforzata in anni recenti, grazie a un’importante ripresa effettuata dalla Fenice di Venezia nel 2005 e documentata sia in disco che in dvd. Infine giovedì 25 gennaio al Metropolitan di Piombino, venerdì 26 gennaio al Teatro Garibaldi di | Figline Valdarno, lunedì 29 gennaio al Teatro Excelsior di Empoli, martedì 30 gennaio al Teatro Verdi di Firenze sarà ospite della Toscana Michele Campanella uno dei più grandi pianisti italiani. Per il suo ritorno all’ORT il musicista ha scelto un ‘tutto Mozart’ con lavori del periodo da libero professionista del compositore. Pezzi forti sono i due Concerti, il sole e la luna, in luminosa tonalità maggiore il primo e in rannuvolata tonalità minore il secondo. Si passa poi ad altre due pagine in minore: il Rondò K.511 e la Fantasia K.475, interpretati da Campanella da solo al pianoforte.
Quando
Dal 09 gen 2018 
al 31 gen 2018
Via Ghibellina, 99 map
Dove
Via Ghibellina, 99
Info
Tel. +39 055 2340710 | +39 055 2342722