Villino "Amor omnia vincit" a Viareggio
location_cityArchitetture

Villino "Amor omnia vincit" a Viareggio

Viareggio, 1907 - 1909; oggi residenza privata e non visitabile all'interno

Viareggio

La residenza si mostra come edificio-documento; sulla facciata si possono leggere il nome del committente, Giovanni Brunetti, l'anno di realizzazione, 1909, e la denominazione della residenza nonché il nome dell'autore dei decori.
L'edificio, che si sviluppa su tre piani, presenta prospetti articolati caratterizzati da aperture di diverse conformazioni e dall'impiego di diversi materiali, quali la ceramica per le decorazioni e il ferro battuto per le ringhiere delle balaustre.
Il villino espone un ricco apparato decorativo nella fascia di coronamento del sottotetto e nel fregio marcapiano, con motivi di puttini e festoni di fiori alternati ad anfore. Le piastrelle, dai temi classici, sono abbinate ad altre con motivi di barche a vela stilizzate e a bordure di finitura geometrica, secondo una tipologia iconografica caratteristica dell'opera di Chini. Egli tende ad assimilare al nuovo stile temi appartenenti alla tradizione classica: le figure rinascimentali vengono reinterpretate secondo il gusto modernista e vengono tradotte in un linguaggio pittorico bidimensionale.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
(Articolo a cura della Provincia di Lucca).

Viareggio
Da un piccolo borgo di pescatori a una meta balneare tra le più note in Toscana, ecco la città del Carnevale
Il mare da una parte, le candide vette delle Apuane dall’altra, chi non ha mai visto la classica istantanea di Viareggio? Passeggiare tra le vezzose stradine del centro, prendere un gelato in Passeggiata o in pineta, spingersi al mare in Darsena o, ancor più là, verso la parte di spiaggia più selvaggia, la Lecciona - quasi a Torre del Lago; mangiare pesce in una delle tipiche trattorie di ...
Approfondiscikeyboard_backspace