Villa Martinelli oggi Caprotti
location_cityArchitetture

Villa Martinelli oggi Caprotti a Lucca

Lucca, ampliamento fine secolo XIX. Oggi è residenza privata e non è visitabile

Lucca

L'edificio è uno dei più grandi esempi di villa suburbana, elevata su quattro piani con una facciata impostata secondo i canoni dell'architettura tradizionale ottocentesca di matrice fiorentina.
La facciata principale e quelle laterali si presentano per tutto il piano terra con uno spesso bugnato rustico che si ingrossa ulteriormente nei lati. Un doppio marcapiano lo corona in alto, dove le facciate sono scandite sui due piani nobili da finestre con due ordini di timpani e sull'ultimo piano da mezze finestre.
Il portone principale, che si apre sul fronte strada, è sormontato da un terrazzo, con balaustra in colonnini ionici di marmo, poggiante su mensole in foggia di figure femminili.
Negli spigoli dell'edificio sono massicce fasce angolari con bugne a forte risalto plastico che incorniciano le specchiature intonacate sormontate da cornicione e sottogronda in legno a cassettoni decorati.
Sul retro al palazzo è appoggiato un corpo di mattoni faccia a vista alto tre piani di ispirazione classica, con archi a tutto sesto e colonne in cotto, che sono aperti al piano terra in un loggiato e che nei piani superiori è scandito da lesene con capitelli e alleggerito da finestre ad arco. Questo corpo si conclude con una grande terrazza sulla quale negli anni Quaranta sono stati edificati due piccole appendici.
La villa, oggi fortemente ridimensionata nel suo giardino a causa della costruzione della via Paganini, conserva però ancora una buona porzione di parco, che si apre sul viale Puccini mediante due cancelli sorretti da pilastri e da colonne in pietra, queste ultime sormontate da grandi busti in marmo di Carrara raffiguranti il re Vittorio Emanuele II, la regina Margherita, Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci. Un terzo cancello di più modeste dimensioni, al centro dei due, è sorretto da colonne in ghisa sormontate da aquile ad ali spiegate e al centro del timpano reca il monogramma del committente Lorenzo Martinelli.
Davanti al palazzo due fontane in marmo di Carrara a forma di calice incorniciano il portone d'ingresso.
Nel giardino, oltre alle costruzioni rurali e agli annessi agricoli, sono la casetta del giardiniere e la rimessa, sulla quale era un belvedere coperto da pergolato, che si raggiungeva dal giardino mediante una scala a chiocciola in ghisa oggi scomparsa.
Attorno al palazzo è un sistema di viali con siepi e muri su cui si alzano colonne in mattoni faccia a vista che sostenevano un pergolato, che circondava l'intero palazzo e proseguiva lungo i muri di confine della proprietà che misurava un ettaro.
La pianta dell'edificio è assai regolare e si disegna come un quadrato diviso dall'atrio che attraversa tutto il fabbricato da nord a sud e sul quale si aprono le scale principali. All'interno si conservano solo poche decorazioni a tempera e a stucco. La più significativa è quella del soffitto della biblioteca a piano terra che rappresenta Apollo e le Muse.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
(Articolo a cura della Provincia di Lucca).

Lucca
città monumentale protetta da grandiosi bastioni, custodi di tesori unici
In molti in Toscana considerano Lucca quasi un corpo estraneo, “non è Toscana” può capitare di sentir dire da qualche fiorentino che forse si riferisce al pane (che a Lucca è salato), alla lingua (con un lessico sicuramente singolare) o al fatto (che per altro contribuisce a spiegare gli altri due) che Lucca è l’unica fra le città-stato della regione da aver conservato la propria indipendenza ...
Approfondiscikeyboard_backspace