Villa La Barbolana
location_cityArchitetture

Villa La Barbolana

Si erge maestosa sulle colline di Anghiari dominando, con le sue particolari volumetrie architettoniche, il paesaggio della Valtiberina

Anghiari

La Barbolana rappresenta un singolarissmo esempio di villa fortificata nel territorio aretino. L'originale impostazione tipologica e volumetrica con l'eccezionale sviluppo in altezza della torre centrale e la non comune posizione geografica ne fanno un elemento emergente determinante nel paesaggio della Valtiberina. La villa è collegata al Convento dei Cappuccini, posto più in alto, attraverso un rettilineo affiancato da cipressi. La sua storia è legata a quella del feudo di Montauto governato fin dal secolo XI dalla famiglia Barbolani. L'edificio, voluto da Federico di Antonio Barbolani e costruito tra 1556 e il 1582, rappresenta un momento di sintesi tra la villa, il palazzo e il castello. Ha una pianta quadrata con bastioni angolari lievemente sporgenti; la mole del volume è scandita dalle finestrature, alcune delle quali finte o ritamponate, ed alleggerita dall'altezza della torre centrale. Gli ambienti interni risultano in gran parte voltati con portali rinascimentali in pietra e pavimentazione in cotto. Al piano terreno è posta la cappella del secolo XVIII. Fin dalla sua costruzione la villa fu funzionale ad una grande proprietà agricola in costruzione e svolse quindi anche il ruolo di centro di fattoria, consolidatosi fra il XVII e XVIII secolo. La villa è stata oggetto di ammodernamento nel secolo scorso in occasione del matrimonio tra Carlotte Barbolani e Simone Francesco Velluti Zati Duca di San Clemente. Il pianoro in cui sorge l'edificio è attualmente sistemato a prato con siepe di bosso perimetrale e una cortina di cipressi sul lato che affaccia verso la val Sovara. Pregevole infine il pozzo in pietra che sorge al lato del vialetto d'ingresso.

Anghiari
Suggestivo fortilizio medievale immerso nella Valle del Tevere
Splendido borgo medievale alle pendici delle colline tra il torrente Sovara e la valle del Tevere. Il suo nome è legato ad una celebre battaglia (Battaglia di Anghiari) del 1440, combattuta nella piana di Anghiari e dipinta da Leonardo nel salone di Palazzo Vecchio a Firenze. ...
Approfondiscikeyboard_backspace