Villa Ducloz
location_cityArchitetture

Villa Ducloz a Lucca

La villa, capolavoro di Gaetano Orzali (l'autore del Villino Malerbi oggi Dinelli) a Lucca, fu progettata nel 1903 per Luigi Ducloz

Matteo Civitali, 234

Forse l'esempio più rappresentativo di architettura Liberty a Lucca, l'edificio, di notevoli dimensioni, ha pianta rettangolare e si alza su due piani oltre alla soffitta e al seminterrato. La copertura è in parte a terrazza e in parte a padiglione con manto in tegole marsigliesi.
Sul prospetto principale, che si affaccia sulla via Civitali, la costruzione presenta, al piano terra, un bow-window di forma esagonale coperto a terrazza su cui si aprono due porte laterali e cinque finestre ornate da inferriate a motivi floreali realizzate in ferro battuto.
Al primo piano l'accesso alla terrazza, che ha un parapetto dal caratteristico disegno a coup de fouet in ferro battuto che si ripete in tutto il repertorio decorativo della villa, è consentito da una portafinestra decorata da un motivo floreale di girasoli; sulla terrazza si affacciano anche due finestre ornate nella parte superiore da maioliche policrome che formano motivi romboidali. La stessa decorazione si ripete nella fascia sottogronda. In corrispondenza della portafinestra la villa presenta una parte sopraelevata a torretta, coperta a terrazza.
Il giardino è caratterizzato da vari episodi architettonici, come la vasca con sculture centrali che rappresenta una conchiglia con due puttini, o il tempietto, con copertura a cupola sorretta da colonnine, che è collegato alla casa da una rampa ad andamento ellittico, coperta con una pergola in ferro battuto.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
(Articolo a cura della Provincia di Lucca).

Lucca
città monumentale protetta da grandiosi bastioni, custodi di tesori unici
In molti in Toscana considerano Lucca quasi un corpo estraneo, “non è Toscana” può capitare di sentir dire da qualche fiorentino che forse si riferisce al pane (che a Lucca è salato), alla lingua (con un lessico sicuramente singolare) o al fatto (che per altro contribuisce a spiegare gli altri due) che Lucca è l’unica fra le città-stato della regione da aver conservato la propria indipendenza ...
Approfondiscikeyboard_backspace