Villa di Catignano - Castelnuovo Berardenga
location_cityArchitetture

Villa di Catignano

Residenza aristocratica e giardino all'italiana

Castelnuovo Berardenga
La villa di Catignano sarebbe stata costruita per iniziativa di Lodovico Sergardi, noto umanista conosciuto anche con lo pseudonimo di Quinto Settano (1660 – 1726). La villa vera e propria presenta una pianta rettangolare sviluppata su tre livelli continui, con un piccolo corpo sporgente che le conferisce un aspetto a L. Per quanto riguarda l’interno è da segnalare al piano terra l’atrio, caratterizzato da tre colonne in pietra che sorreggono una trabeazione con stemma dei Sergardi. Al primo piano si trovano stanze con architetture dipinte, solai decorati e mensole reggitrave in legno e in stucco. Il giardino all’italiana, a cui si accede tramite una doppia rampa di scale, è diviso in tre settori: il primo è caratterizzato da una serie di aiuole ornate con sfere di bosso, il secondo è adibito ad orto e pomaio e il terzo presenta un “labirinto” anch’esso formato da siepi di bosso. La cappella di Santa Croce è del 1697. Le pareti interne sono caratterizzate da un ricco apparato decorativo. Addossato alla parete terminale è l’altare, di stucco, al cui centro è una raffigurazione, scolpita, della Storia della Vera Croce.
Castelnuovo Berardenga
Paesaggio collinare suggestivo dai numerosi castelli
Incastonato tra le fertili colline del Chianti e l'incredibile paesaggio delle crete, il vasto territorio comunale di Castelnuovo Berardenga circonda Siena a Nord e ad Est. Il paesaggio è quello delle colline che separano il primo tratto della valle dell'Ombrone da quella del suo affluente Arbia, che in alcuni tratti segna il limite amministrativo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace