Villa Del Magro a Lucca (primo decennio XX secolo)
location_cityArchitetture

Villa Del Magro a Lucca

Lucca: primo decennio XX secolo; residenza privata non visitabile

viale Giusti, 331

La costruzione a pianta quadrata, composta di tre piani oltre alla cantina, è coperta a padiglione con manto di tegole marsigliesi.
I prospetti principali sono quello ad ovest, sulla circonvallazione, e quello a sud, sul Viale Cadorna. Ad est la villa si affaccia su un giardino.
Al piano terra, i prospetti sui viali sono scanditi modularmente da lesene a finto bugnato, che incorniciano grandi aperture ad arco a tutto sesto e che continuano poi, lisce, fino al sottogronda, dove presentano figurazioni antropomorfe. Sul propetto ovest si apre il portone d'ingresso. Tutte le aperture portano rostre in ferro battuto nella parte voltata e sono collegate da una fascia in muratura che corre lungo le corde degli archi.
Al primo piano si aprono finestre voltate ad arco a tutto sesto che presentano cornici decorate, mensole sagomate e decorazioni a festoni. Su ognuno dei due prospetti principali è presente un grande terrazzo, con mensoloni e balaustre a pilastrini.
Il secondo piano presenta finestre e terrazzi sul tipo di quelli del primo, ma il tutto è riproposto in tono più semplice.
Il sottogronda è decorato con mensoloni modellati.
Ogni piano è sottolineato da due cornici che corrono orizzontalmente lungo le facciate.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
(Articolo a cura della Provincia di Lucca).

Lucca
città monumentale protetta da grandiosi bastioni, custodi di tesori unici
In molti in Toscana considerano Lucca quasi un corpo estraneo, “non è Toscana” può capitare di sentir dire da qualche fiorentino che forse si riferisce al pane (che a Lucca è salato), alla lingua (con un lessico sicuramente singolare) o al fatto (che per altro contribuisce a spiegare gli altri due) che Lucca è l’unica fra le città-stato della regione da aver conservato la propria indipendenza ...
Approfondiscikeyboard_backspace