Tabernacolo di S. Maria sul canto del Mercantale - Prato
crop_originalOpere d'arte

Tabernacolo di S. Maria sul canto del Mercatale

Opera di Filippino Lippi per la famiglia pratese dei Tieri

Prato

Affresco da attribuire a Filippino Lippi e commissionato dai Tieri, come si deduce dallo stemma nella cornice dipinta sotto l'immagine centrale. Famiglia che possedeva le porprietà immobiliari vicino al tabernacolo e che entra in contatto con Filippino tramite affari economici. La presenza nel dipinto di Sant'Antonio Abate è senz'altro un omaggio al padre dei Tieri, Antonio, mentre l'immagine di Santa Margherita è da collegare al convento di Prato che si trova di fronte al Tabernacolo  e in cui era stata suora la madre dell'artista.

 

Al centro troviamo la Madonna col Bambino, sul laterale sinistro i Santi Antonio Abate e Margherita, sul laterale destro i Santi Stefano e Caterina d'Alessandria. La data iscritta nell'intonaco e lo stile con le sfingi marmoree alate agli angoli dell'altare indicano una datazione successiva al soggiorno romano dell'artista, l'iscrizione è composta da due targhe sulla volta decorata all'antica con partizioni geometriche e fantasiose grottesche. Il serpente, sotto la Santa, ricorda il demone nel San Filippo che scaccia il drago nella cappella Strozzi a Firenze nella Chiesa di Santa Maria Novella.

Prato
Dal Medioevo all'avanguardia in una città da scoprire
Una città che non mancherà di stupire gli amanti delle destinazioni meno inflazionate è Prato. In molti infatti, anche a causa di come il luogo viene spesso presentato sulla stampa, si stupiranno, visitandolo, di scoprire un centro storico elegante e ben conservato, all’altezza dei nuclei medievali di tante delle più note città toscane. ...
Approfondiscikeyboard_backspace