Porta del Cielo, Duomo di Siena
person_pin_circleVisite

Sul tetto di Siena: il Duomo apre la "Porta del Cielo"

La cattedrale svela i suoi percorsi segreti sui tetti

Un’occasione straordinaria per entrare nelle stanze più segrete del Duomo di Siena, il capolavoro del gotico toscano, custode di opere d’arte di Michelangelo, Donatello e Nicola Pisano, e ammirare la città dall’alto come non l’avete mai vista.
La cattedrale ogni anno apre per un periodo limitato di tempo la sua “Porta del Cielo”: un percorso nelle soffitte e sui ballatoi, di solito chiusi ai visitatori, per ammirare i capolavori conservati nel Duomo da una prospettiva diversa. Accompagnati da una guida esperta, salendo lungo le scale a chiocciola nascoste agli occhi del pubblico, si potrà provare l’emozione di camminare sopra la testa degli altri visitatori.

Dal ballatoio potrete ammirare le stelle dorate che tempestano la cupola, l’altare maggiore e i capolavori scultorei. Potrete vedere da vicino la vetrata di Duccio Buoninsegna, le teste dei papi e degli imperatori, nonché gli antichi gargoyle da cui scorreva via l’acqua piovana.

Ma se la visione del pavimento e delle opere d’arte del Duomo dall’alto vi riempirà di meraviglia, sarà il panorama che si gode dalla navata sinistra a togliervi il fiato: con la basilica di San Domenico, la Torre del Mangia e tutta Siena ai vostri piedi vi sentirete davvero in cima al mondo. Dalla navata sinistra si presenta un panorama meraviglioso, che spazia fino alla Fortezza Medicea e alla Montagnola senese, mentre sul terrazzino che si affaccia sulla piazza del Duomo si ammira lo Spedale di Santa Maria della Scala.

Per informazioni su quando trovare aperta la Porta del Cielo e prenotazioni:
www.operaduomo.siena.it

0577 286300 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17)
opasiena@operalaboratori.com

 


Siena
La città dove ogni pietra è rimasta immutata nei secoli
Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace