Luoghi di culto

Santuario di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Valdarno

Dalla basilica si accede al Museo che ospita l’Annunciazione del Beato Angelico

Santuario di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Valdarno

La Basilica di Santa Maria delle Grazie occupa il lato occidentale di piazza Masaccio. Il complesso risale al tardo Quattrocento ma nel corso dei secoli è stato ingrandito e modificato più volte, sia in seguito al grave incendio del 1596, sia dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale. La costruzione della chiesa risale al 1484, a seguito del miracolo di “Monna Tancia”. La basilica è stata proclamata a Santuario Mariano nel 1986.

 

Pur procedendo per linee orizzontali, anticipate sin dalla cancellata, la struttura architettonica è movimentata dal portico e dalla serie di finestre arcuate del primo piano, e culmina nel frontone a triangolo addentellato, su cui poggiano quattro statue (dei Santi Agostino, Giovanni Battista, Lorenzo e Francesco) e nel soprastante campanile. Al centro della parete di fondo dell’atrio tra le due scale c’è una grande terracotta policroma di Giovanni della Robbia (1513) raffigurante l’Assunzione.

Si accede al Santuario per mezzo di due scalinate e di due grandi porte lignee del 1697. La struttura della basilica è disposta su tre navate, scandite da campate che poggiano su colonne monolitiche, capitelli corinzi e archi ribassati. Le volte cupoliformi sono state affrescate alla fine del Seicento da Giuseppe Nasini e Vincenzo Ferrati. L’altare maggiore (dietro cui è posta una Madonna con bambino di scuola fiorentina trecentesca) è stato ricostruito dopo il 1596 su progetto di Bernardo Buontalenti. A sinistra dell’altare sono affrescati tre momenti del miracolo di Monna Tancia, il cui autore, secondo Vasari, è un allievo del Perugino. Dopo il 1720 fu costruita e unita alla chiesa una grande cappella, ricostruita completamente alla fine degli anni Cinquanta, dopo i bombardamenti che l’avevano distrutta nel 1944.

 

[Per maggiori informazioni: www.museidelvaldarno.it]

San Giovanni Valdarno
Il borgo dell'Aretino è ricco di testimonianze artistiche, come la Casa Masaccio
La città di San Giovanni Valdarno è uno dei maggiori centri del Valdarno sviluppatosi lungo la strada di grande comunicazione Arezzo-Firenze. Quì, il 21 dicembre 1401 nacque Masaccio, l'artista innovatore della pittura rinascimentale. In Corso Italia è possibile visitare, in occasione di esposizioni, la sua casa natale. ...
Approfondiscikeyboard_backspace