Anghiari - Santuario della Madonna del Carmine
Luoghi di culto

Santuario della Madonna del Carmine

Il monumentale complesso cinquecentesco è una delle mete da non perdere per chi si concede una vacanza alla ricerca di storia, arte e religione

Anghiari

Lungo la strada provinciale che congiunge Anghiari con Ponte alla Piera, in località Combarbio, si erge l'imponente mole del cinquecentesco Santuario della Madonna del Carmine, nato a seguito dell'apparizione della Madonna ad una pastorella. All'avvenimento, verificatosi l'11 luglio 1536, seguì subito la costruzione dell'edificio, su progetto dell'architetto Giovan Battista Camerini da Bibbiena. Realizzato tra il 1536 e il 1552, fu occupato dapprima dai Francescani Osservanti, poi dai Carmelitani fino alla fine del XVIII secolo, quando fu affidato per un breve periodo ai Camaldolesi. Oggetto di due successive ristrutturazioni ottocentesche, la chiesa si distingue per un notevole sviluppo dell'alzato e la grandiosità dell'impianto a croce latina con un ampio transetto.All'interno, l'altare maggiore in pietra decorato da un affresco seicentesco conserva al centro una pregevole tavola di scuola fiorentina con la Madonna con Bambino e San Giovannino del XVI secolo.A lato della chiesa è l'antico chiostro con le celle. I recenti restauri hanno restituito all'insieme un piacevole aspetto, grazie anche alla creazione di quaranta posti letto, spazi per il ristoro e le attività di gruppo che permettono al visitatore che desiderasse far sosta in questi luoghi di ricevere un'accoglienza adeguata in una cornice agreste di indubbio valore.


Accesso handicap:

Accessibile a disabili

 

(Immagini by wikipedia)

 

 

 

 

 

 

 

 

Anghiari
Suggestivo borgo medievale immerso nella quiete della Valle del Tevere
Anghiari è uno splendido borgo medievale posto alle pendici delle colline tra il torrente Sovara e la valle del Tevere. Il suo nome è noto per via di una celebre battaglia del 1440, combattuta nella piana antistante al paese e ritratta da Leonardo da Vinci in un mitico affresco andato perduto nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. ...
Approfondiscikeyboard_backspace