Villino Baroncelli
location_cityArchitetture

“Relitti” Liberty nel cuore di Firenze

Le ville e gli edifici scampati alla febbre del mattone degli anni Sessanta

Firenze
Prima del grande boom edilizio degli anni Sessanta, a Firenze si potevano contare molte costruzioni in stile Liberty anche vicino al centro storico: come non ricordare i grandi Garages Riuniti di Via Alamanni oppure la graziosa Lavanderia Stireria Volpi in Viale De Amicis? Altre vittime illustri della “febbre del mattone” furono la villa dell’architetto Giovanni Michelazzi in via Michelangelo, che fino all’epoca delle demolizione nel 1962 aveva conservato gli affreschi di Galileo Chini e gli edifici del Cinema Teatro Ristorante e Gioco della Pelota Alhambra, situati nell’area dove adesso sorgono i palazzi del quotidiano “La Nazione”.

Tra i pochi edifici in stile Art Nouveau rimasti in piedi nel secondo Dopoguerra c’è il villino Baroncelli, il cui elemento caratterizzante è l’imperiosa torre quadrata a due logge. Le decorazioni in ceramica furono eseguite da Galileo Chini. Di particolare pregio artistico i motivi orientaleggianti che ornano le finestre ed alcuni dettagli come i supporti a forma di serpente che reggono le grondaie, le fontane con mascherone e il lucernario circolare che si vede dall’ interno. Altro edificio particolarmente interessante nell’itinerario Liberty nel cuore di Firenze è una casa galleria di Borgo Ognissanti, realizzata anch’essa dall’architetto Michelazzi. Si tratta di un edificio alto e stretto, denominato Casa Galleria Vichi, caratterizzato da decorazioni in pietra e ferro battuto. La parte inferiore dell’edificio che ospita un esercizio commerciale è caratterizzata da una grande vetrata protetta da un’inferriata. La porta di accesso è costituita da un cancellino in ferro battuto, che richiama i lampioni e gli altri particolari decorativi della facciata.

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace