fb track
Raccolta d'arte sacra della Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, Quarrata
account_balanceMusei

Raccolta d'arte sacra della Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, Quarrata

Tutte le opere esposte nel piccolo museo sono oggetti liturgici della chiesa della Ferruccia

Map for 43.881506,10.992670
Quarrata

L'esposizione è allestita nei locali della canonica, appositamente ristrutturati a questo fine. La chiesa della Ferruccia, ricordata fin dal XIV secolo, fu eretta a pieve nel 1648. Si presenta nelle forme conferitele dai restauri settecenteschi e ottocenteschi, ma conserva anche opere di epoca precedente come le pale d'altare seicentesche.

La raccolta è stata aperta, come sezione del museo diocesano di Pistoia, al fine di valorizzare e tutelare gli antichi oggetti liturgici, non più utilizzati dopo la riforma del Concilio Vaticano II, e conservati nella chiesa della Ferruccia. La raccolta costituisce una testimonianza della devozione popolare e della religiosità di una chiesa di campagna. Nell'allestimento si è cercato di mettere in evidenza l'uso dei vari oggetti liturgici, anche tramite l'ausilio di pannelli didattici.

Tra i tessuti liturgici si segnalano il paliotto in velluto ricamato di scuola fiorentina dei primi del Seicento e un abito femminile settecentesco corredato di scarpine (probabilmente in origine un abito da sposa), destinato a vestire una statua della Madonna. Tra le oreficerie la croce astile di manifattura pistoiese datata 1591. Tra i dipinti conservati nella chiesa si segnala la pala d'altare con l'Assunzione della Vergine di Giovanni Martinelli della metà del Seicento.


Orario:
sabato ore 16-19; domenica ore 10-12 e 16.30-18; negli altri giorni visita su appuntamento.


Prezzo:
gratuito


Accesso handicap:
No

Contatti:

Ferruccia
QUARRATA (PISTOIA)
Telefono: 0573 718895; 0573 718617
E-mail: mariniq@tin.it, museodiocesano@diocesi.pistoia.it
 

Quarrata
nel territorio del montalbano tra aree naturali e splendide ville
Il territorio di Quarrata si estende tra le colline del Montalbano, un ambiente che la famiglia Medici adorava particolarmente e che scelse come indisturbata riserva di caccia. Ferdinando II, in particolare, si adoperò, nel XVII secolo, per realizzare il Barco Reale Mediceo, un terreno boschivo recintato da tre chilometri di mura e intervallato da corsi d’acqua e ville. ...
Approfondiscikeyboard_backspace