fb track
piazza serristori - figline valdarno
Frazioni, quartieri e piazze

Piazza Serristori a Figline Valdarno

Fino al 1777 si chiamava Piazza del Cassero e vi era locata la cosiddetta porta Fiorentina, uno dei quattro accessi principali alla Figline medievale

Map for 43.619659,11.469794
Figline Valdarno
Fino al 1777 questa piazza aveva il nome di Piazza del Cassero e vi era  locata la cosiddetta porta Fiorentina, uno dei quattro accessi principali alla Figline medievale, interamente difesa da una cinta muraria .
La sua forma di rettangolo irregolare in declivio è stata mantenuta fino ad oggi. Un tempo su di essa sorgeva uno dei cinque lati del poligono murario del paese, successivamente fu usato come struttura di appoggio al teatro Garibaldi su progetto dell’architetto Pierallini.
Il conte Alfredo Serristori in qualità di patrono nel 1865 fece sì che il Cassero, con annessa piazza Serristori, diventasse di proprietà del Comune, e fu proprio in tale anno che il Cassero della Cittadella diventa proprietà dello stesso. I lavori di costruzione del teatro furono eseguiti con velocità e i cittadini di Figline vi parteciparono  con entusiasmo, L’immobile, dopo lunghe vicissitudini, fu inaugurato nel1871 con la rappresentazione dell'opera lirica "Ernani". Fino al 1923 il teatro fu l'orgoglio dei figlinesi. Successivamente fu trasformato in sala cinematografica e ciò coincise con la perdita di interesse di gran parte dei cittadini verso lo stesso con conseguente declino del teatro.
Nella parte centrale della piazza era collocato un pozzo, mentre sul lato diametralmente opposto del teatro, adiacenti all’attuale corso Matteotti erano posizionati due paracarri in pietra tutt’ora esistenti.
Nel 1987 è stato approvato il “Progetto di arredo urbano” con il progetto elaborato dagli architetti Leonardo Balducci e Maurizio Barabesi e dall’ingegnere Alessandro Ricci.
Successivamente fino 1992 sono stati presentati vari progetti che prevedevano la sostituzione del pozzo con una fontana realizzata in travertino naturale
Figline e Incisa Valdarno
Un territorio che ha affascinato pittori e poeti
Il territorio di Figline e Incisa corrisponde all’area del Valdarno superiore fiorentino, tra il massiccio del Pratomagno e i monti del Chianti. Due centri distinti, ma uniti dalle bellezze di un paesaggio che ha affascinato pittori e poeti. Figline, con origini etrusche e romane, ha vissuto nel Rinascimento un grande fervore culturale. ...
Approfondiscikeyboard_backspace