Piazza San Pietro, Firenze
Quartieri, strade e piazze

Piazza San Pietro, Firenze

A Cascia Reggello una pieve romanica di ntoevole bellezza

Firenze
La piazza, che si trova nella frazione di Cascia di Reggello, prende il nome dalla chiesa che vi si affaccia, la Pieve di S. Pietro. Questa, fu edificata per volontà della contessa Matilde di Canossa tra il X e il XI secolo.  Conservata perfettamente, grazie anche ai sapienti restauri, costituisce un esempio tipico di architettura romanica.

La facciata è costituita da un arioso portico, il solo fra tutte le chiese romaniche della zona rimasto nella sua forma originaria. Sulla destra si erge la massiccia torre campanaria, a pianta quadrata, strutturata e rivestita in pietra serena che, secondo gli esperti, potrebbe essere stata una torre del "Castelvecchio" dei Conti Guidi  risalente al VII secolo. Altre fonti, invece, la riconoscono come una torre di guardia dei longobardi attestata in questa zona nel VI secolo.
 
Fortemente consigliata la visita all’interno della Pieve, dove si possono ammirare i capitelli della prima, terza e quinta colonna a destra che riportano teste scolpite di animali e di uomini, figure dal significato allegorico ed elementi decorativi tipici dell'arte romanica.
Molte delle opere, un tempo esposte all’interno della chiesa, oggi si trovano nell’adiacente
Museo Masaccio, accessibile dal retro della Pieve. Inaugurato nel 2002, è divenuto un’importante meta, da parte di estimatori e di studiosi, per la presenza del "Trittico di San Giovenale", realizzato nel 1422 dal giovane Masaccio in quanto viene considerato una delle opere chiave del Rinascimento fiorentino.

Piazza San Pietro si anima del mercato paesano ogni giovedì mattina e, durante l’ultimo fine settimana di giugno, vi si svolge la Sagra del Fungo Porcino.
Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace