Piazza del grano di Asciano
Quartieri, strade e piazze

Piazza del grano

Era un tempo il granaio di Siena

Asciano

Nel centro della cittadina di Asciano, oltre le sue chiese e i suoi palazzi, merita una sosta la Piazza del Grano. Il nome deriva dal passato rurale e contadino del paese, considerato un tempo il granaio di Siena. La sua particolarità si deve soprattutto alla fontana che le sta nel centro. Opera del lucchese Antonio di Paolo Chini che la costruì nel XV secolo.

Maestro di pietra che si ispirò alle forme del graffito del pavimento del duomo di Lucca e che ripresentò questa eleganza nella fonte da lui creata. Il monumento fu voluto da Vieri di Nanni e da Pietro di Fabiano calmieri, i podestà di Asciano negli anni 1471 e 1472, infatti sulla base della brocca sono scolpiti i loro corrispettivi stemmi, il primo con tre spadini e il secondo con il cinghiale.

Con le figure scolpite nelle formelle della vasca i podestà senesi committenti avranno voluto ricordare agli ascianesi le prove e le promesse di fedeltà alla madre Siena, ma l'autore superò i moniti politici per creare un'opera d'arte mirabile.

Asciano
Asciano sorge su un'altura dell'alta valle del fiume Ombrone
Il paese di Asciano si trova al centro delle Crete Senesi, area che si estende a Sud -est di Siena. Di origine medievale, Asciano conserva ad oggi numerosi luoghi di interesse, tra i quali: la Collegiata di Sant'Agata, la Chiesa di Sant'Agostino, la Piazza del Grano con il Palazzo del Podestà, il museo Civico Archeologico e d'Arte Sacra Palazzo Corboli e il Museo Cassioli. ...
Approfondiscikeyboard_backspace