San Gimignano, Piazza della Cisterna
Quartieri, strade e piazze

Piazza Cisterna, San Gimignano

Patrimonio mondiale dell'umanità, un centro storico dalla bellezza incredibile

San Gimignano
Di forma triangolare, la piazza é adiacente all'importante Piazza Duomo e fu realizzata nel XIII secolo seguendo una dolce pendenza naturale del terreno. In origine era posta all'incrocio tra la Via Francigena e la Via Pisa-Siena ed aveva la funzione di ospitare il mercato, le feste ed i tornei cittadini. Deve il suo nome ad una cisterna destinata ad uso pubblico realizzata nel 1287 che é sormontata da una monumentale vera di pozzo in travertino su piedistallo ottagonale. Ancora oggi sono visibili i solchi lasciati dalle corde con cui venivano tirate le brocche per attingervi l'acqua.

Sul lato sud-ovest della piazza si apre l'arco dei Becci che fa parte dell’originaria cerchia muraria risalente al X secolo. Davanti alla cisterna s’innalza Casa Silvestrini, un tempo adibita a Spedale, che aveva la funzione di ospitare i pellegrini che transitavano lungo la Via Francigena e nel XVI secolo si specializzò nell'assistenza degli orfani. Dal 1918 ospita un albergo.

Vi si affacciano anche interessanti architetture come il Palazzo Razzi, oggi sede di una banca, che si presenta con la facciata di destra in laterizio e due bifore, mentre in quella di sinistra é rivestito da pietre a vista e vi si aprono due monofore. Accanto ad una tipica torre mozza appartenuta nel XIII secolo al capitano del popolo, si affianca Palazzo Tortoli-Treccani, contraddistinto da una doppia file di bifore a sesto acuto arricchite da esili colonnine di marmo.

Sulla piazza s’innalzano diverse altre torri. Una di queste é la cosiddetta Torre del Diavolo che si trova sul lato settentrionale della piazza e si affianca al Palazzo dei Cortesi. La leggenda narra che questa torre fu sopraelevata per mano del Demonio. E' caratterizzata da un portale di doppia altezza ed ai suoi piedi un tempo si apriva il vicolo dell'Oro, dove venivano lavorate le foglie dorate impiegate per la realizzazione di dipinti.

Sono presenti in questa piazza anche le torri della famiglia Ardinghelli, il casato ghibellino più potente di San Gimignano. La loro costruzione risale alla fine del XIII secolo ed erano molto più alte del limite previsto da un divieto del 1255 che considerava fuorilegge le costruzioni più alte della torre comunale. Così oggi si ergono per un'altezza di circa la metà del fabbricato originale.

Spesso la piazza è animata da eventi musicali o da fiere come quella di Santa Fina, che prevede l'allestimento di numerose bancarelle e stand in alcuni giorni dei mesi di marzo e di agosto. Caratteristica è anche la Fiera di San Gimignano che si svolge nei primi giorni di gennaio.

Cover image credit: Michela Simoncini

San Gimignano
La Manhattan del Medioevo, tra arte e vini pregiati
Con la sua selva di torri che si stagliano all’orizzonte, San Gimignano è una delle mete più iconiche e riconoscibili di tutta la Toscana. Da ogni parte del mondo c’è qualcuno che sogna di raggiungere questo antichissimo borgo per provare l’esperienza di immergersi in una perfetta cartolina medievale. ...
Approfondiscikeyboard_backspace