Palazzo Budini Gattai, Firenze
location_cityArchitetture

Palazzo Budini Gattai, Firenze

Una villa elegantee dalla bellezza suggestiva nel borgo storico dell'Annunziata

Firenze
Ugolino di Iacopo Grifoni, segretario del duca Cosimo de' Medici, acquistò nel 1549 alcune case che sorgevano all'angolo fra Piazza Santissima Annunziata e via de' Servi al fine di demolirle e sostituirle con un palazzo che desse lustro alla sua famiglia. Il progetto iniziato da Giuliano di Baccio d'Agnolo, allievo di Buonarroti, fu proseguito alla sua morte da Bartolomeo Ammannati il quale probabilmente si occupò anche del progetto del giardino. Intorno al 1573, fu probabilmente definita la struttura del giardino "all'italiana" ed in particolare fu realizzata una fontana monumentale con le statue di Giasone, Venere e i mostri marini, attribuita allo scultore Giovanni Bandini.

Nel '700 il giardino venne ingrandito e la fontana cinquecentesca fu spostata e sostituita con una a parete dove fu collocata la statua di Venere. Alla fine del '700 la famiglia Grifoni si estinse e la proprietà passo alla famiglia Riccardi ed infine ai Budini Gattai che sono tutt'oggi i proprietari. L'attuale giardino, ulteriormente modificato alla fine dell'800 si presenta attualmente sistemato con aiuole curvilinee e ospita belle collezioni di camelie e azalee dalle splendide fioriture primaverili. Altri elementi decorativi del giardino sono la bella serra in ferro e vetro risalente al 1892 ca., il boschetto di banani e il così detto "Monumento all'albero scomparso" realizzato nel 1908 in ricordo di un esemplare secolare di Laurus camphora seccatosi durante l'inverno.

Orario:
visitabile solo su appuntamento

Ingresso:
6 euro

Accesso handicap:

Accessibilità a persone disabili

Contatti:
Via dei Servi, 51
Telefono 055210832
Visitabile solo su appuntamento

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace