Oratorio del Loretino, San Miniato
Luoghi di culto

Oratorio del Loretino

Costruito alla fine del XIII secolo, presenta le pareti e le volte completamente affrescati

San Miniato

Inserito nel Palazzo Comunale, divenne la cappella dei governanti. Dal 1399 fino al 1718 vi fu conservata la venerata immagine del SS. Crocifisso. In seguito vi fu collocata la statua della Madonna di Loreto, dalla quale l'Oratorio prende nome.

Si tratta di un monumento visitabile inserito nel Sistema Museale cittadino. E' costituito da un piccolo ambiente coperto da volte a crociere. Le pareti e la volta sono affrescate con episodi della vita di Cristo eseguiti da un anonimo maestro tardo gotico nei primi decenni del Quattrocento. Una cancellata in ferro battuto del Trecento, firmata dal senese Conte di Lello, divide l'aula dal vano presbiteriale. L'altare ha un ricchissimo tabernacolo di legno, eseguito nel 1529 dal legnaiolo Vincenzo di Bastiano e dell'intagliatore Luca, per ospitare il venerato Crocifisso di Castelvecchio. Gli scomparti dipinti del tabernacolo sono opera di Francesco di Agnolo Lanfranchi detto lo Spillo, fratello del celebre Andrea del Sarto.

Contatti: Comune di San Miniato

San Miniato
La città famosa per il suo delizioso tartufo bianco è ricca di chiese e palazzi storici da visitare
San Miniato è un delizioso borgo arroccato su un colle lungo l’Arno, a metà strada tra Firenze e Pisa. Le origini della città, famosa per il suo prelibato tartufo bianco, risalgono all'epoca etrusco-romana. Il castello venne fatto costruire nel 962 dall'imperatore Ottone I°, vi soggiornò anche Federico Barbarossa e papa Gregorio V. ...
Approfondiscikeyboard_backspace