Museo Storico della Liberazione
account_balanceMusei

Museo Storico della Liberazione

Oggetti risalenti al periodo fra il 1943-1945

Lucca
Il museo ha sede nelle sale del trecentesco Palazzo Guinigi ed è attualmente chiuso, in fase di riallestimento in un'altra sede.

Raccoglie materiali di vario genere relativo alla guerra di liberazione in lucchesia. L'atrio illustra la campagna di Russia (1941-1943). La prima sala è a testimonianza del periodo 1938-1943; custodisce documenti relativi alle leggi razziali, uniformi da ufficiale dell'Esercito italiano, fotografie delle distruzioni subite dalle città italiane, carte geografiche con la dislocazione di tutti i campi di prigionia. La seconda sala raccoglie i cimeli e le fotografie dei religiosi uccisi dai nazisti. La terza sala, la più grande del museo, presenta numerose vetrine nelle quali sono collocati i cimeli del Corpo Italiano di Liberazione e dei Corpi di Spedizione Alleati che parteciparono alla liberazione d'Italia durante il periodo 1943-1945, esponendo anche una ricca collezione di fotografie. La quarta sala, infine, mostra il contributo fornito dai cittadini lucchesi alla liberazione del territorio della provincia di Lucca.


Prezzo:
gratuito

Accesso handicap:
No

Contatti:
via S.Andrea, 43
LUCCA (LUCCA)
Telefono: 0583 490294-342010-56847



Lucca
città monumentale protetta da grandiosi bastioni, custodi di tesori unici
In molti in Toscana considerano Lucca quasi un corpo estraneo, “non è Toscana” può capitare di sentir dire da qualche fiorentino che forse si riferisce al pane (che a Lucca è salato), alla lingua (con un lessico sicuramente singolare) o al fatto (che per altro contribuisce a spiegare gli altri due) che Lucca è l’unica fra le città-stato della regione da aver conservato la propria indipendenza ...
Approfondiscikeyboard_backspace