account_balanceMusei

Il Museo dell'Opera del Duomo di Siena

In mostra capolavori come la grande Maestà dipinta da Duccio di Boninsegna

Siena

Il Museo dell'Opera del Duomo di Siena si trova all'interno della navata destra del Duomo Nuovo, la grandiosa costruzione che doveva ampliare la Cattedrale iniziata nel 1339 che fu interrotta in seguito alla peste che devastò la città nel 1348.
Il Museo è stato istituito per conservare ed esporre le opere provenienti dal Duomo e rimosse per vari motivi dal loro luogo originario: oggi conserva capolavori unici come la Maestà di Duccio di Buoninsegna, la splendida pala d’altare capolavoro dell’arte pittorica italiana del primo Trecento.

Il percorso inizia al pian terreno dove si trova la collezione di statue di marmo del Trecento provenienti dalla facciata che raffigurano sibille, profeti e filosofi dell’antichità, scolpite da Giovanni Pisano, ma anche il celebre tondo di Donatello con la Madonna col Bambino, detta Madonna del Perdono.
In fondo alla Galleria delle Statue spicca l’imponente vetrata realizzata da Duccio di Buoninsegnatra il 1287 e il 1290 per l’occhio absidale della cattedrale.

La Maestà di Duccio di Buoninsegna
La Maestà di Duccio di Buoninsegna

Al primo piano del Museo oltre alla Maestà si trova la Natività della Vergine di Pietro Lorenzetti e le statue con la Madonna e i santi scolpite da Jacopo della Quercia nel Quattrocento, ma anche numerosi codici antichi e miniati, mentre nella Sala del Tesoro sono esposti oltre duecento suppellettili legate alla liturgia sacra.

Infine all’ultimo piano si trova una ricca collezione di dipinti tra cui la Madonna degli Occhi Grossi, uno tra i più antichi dipinti di scuola senese, firmato dal Maestro di Tressa nel XIII secolo, ma anche le pale d’altare di Matteo di Giovanni e la tavola con San Paolo in trono, realizzata da Domenico Beccafumi nel 1516.

Info: operaduomo.siena.it

Siena
La città dove ogni pietra è rimasta immutata nei secoli
Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace