Museo della badia di Vaiano della Provincia di Prato
account_balanceMusei

Museo della badia di San Salvatore a Vaiano

Il monastero apre le sue porte per illustrare la vita dei monaci e la funzione di esso sul territorio.

Via Agnolo Firenzuola
Il monastero di San Salvatore, sorto probabilmente tra VIII e IX secolo sul luogo di un primitivo villaggio longobardo, presenta interessanti strutture di epoca medievale (la chiesa romanica e la torre campanaria del XII-XIII secolo), di epoca rinascimentale (il chiostro) e barocca.

Il museo è nato nel 1992 come esposizione legata alle celebrazione del centenario della morte di Lorenzo il Magnifico. E' stato riaperto in forma totalmente rinnovata, dopo i lavori di restauro e ampliamento, il 29 maggio 1999. Illustra la vita dei monaci della badia e la funzione religiosa, sociale ed economica del monastero nel territorio. Inoltre documenta il sentimento della religiosità popolare nel passato. Il percorso espositivo del museo è completato con l'esposizione di arredi e dipinti provenienti da altre chiese della vallata.

Il museo si articola in sale tematiche. Nell'antico refettorio sono esposti reperti che documentano la vita quotidiana dei monaci. La sala dedicata al tempo della preghiera raccoglie arredi sacri che documentano la liturgia monastica. La sala dedicata alle Compagnie ricostruisce la storia di queste antiche forme di associazionismo attraverso gli aggetti appartenuti alla antica Compagnia del S.S. Sacramento di Vaiano.
 
Nella sala dedicata alla religiosità popolare si espongono gli arredi, come la grande macchina processionale dorata, che in epoca barocca costitutivano l'apparato solenne di queste manifestazioni. Nella Cappella dell'Abate è ricostruitio il rito della Messa privata. Nello scrittoio sono esposte alcune edizioni originali delle opere di Agnolo Firenzuola che fu per alcuni anni abate di Vaiano.

Si segnalano gli ambienti del monastero restaurati (sala capitolare, refettorio e appartamento dell'abate), un ciborio quattrocentesco vicino a Antonio del Rossellino, il dipinto del Commiato di Cristo dalla Vergine riferito al pittore pistoiese Giacinto Gemignani.

Accesso handicap:
SI

Contatti:

Piazza Agnolo Firenzuola 1
VAIANO (PRATO)
Telefono: 328 6938733 (Sig. Adriano Rigoli, coordinatore del museo)
Vaiano
Da scoprire: la Badia di San Salvatore ed il suo Museo
Vaiano è il centro più importante della Val di Bisenzio. Di origine romana, il primo nucleo abitativo rilevante si sviluppò prima del Mille nella zona della Badia.Con la possibilità di sfruttare le acque del fiume come energia idraulica e come ausiliare delle lavorazioni, vi si installarono fin dal Medioevo mulini, gualchiere, cartiere e fonderie e dalla seconda metà dell'Ottocento la ...
Approfondiscikeyboard_backspace