Museo del Ferro e della Ghisa
account_balanceMusei

Museo del Ferro e della Ghisa

La storica tradizione dell’industria siderurgica di Follonica ricordata nelle esposizioni del museo locale

Follonica

Il museo ha sede nel complesso industriale dell’ex ILVA, dove veniva sottoposto a trasformazione il minerale grezzo delle Colline Metallifere e soprattutto delle miniere di ferro dell’isola d’Elba.


L’origine stessa di Follonica è legata all’attività siderurgica: una fonderia vi è testimoniata già dal XVI secolo. A partire dal 1836 Follonica diventò il principale luogo di lavorazione del ferro del Granducato, quando Leopoldo II affidò tutti gli impianti per la lavorazione del ferro della Maremma alla Imperiale e Regia Amministrazione delle Miniere di Rio e delle Fonderie del Ferro, la cosiddetta Magona. La Fonderia di Follonica, attorno alla quale si sviluppò il nucleo iniziale della città, si specializzò nella produzione di oggetti di arredo e di elementi architettonici di ghisa: fra gli esempi più noti sono il cancello monumentale dello stabilimento stesso e la chiesa di San Leopoldo, sempre a Follonica, la balaustra per Santa Maria del Fiore e la recinzione di piazzale Michelangelo a Firenze, e il tempietto neogotico (1833) destinato a coprire l’accesso al cisternone di Piazza Dante a Grosseto, oggi spostato ad Arcidosso.


Il Museo del Ferro e della Ghisa si sviluppa in sale ricavate all'interno dell’ala sud del forno di San Ferdinando; il percorso museale ripercorre le tappe della storia del ferro e della sua lavorazione dal periodo etrusco ad oggi. La sezione archeologica espone il materiale etrusco arcaico rinvenuto nel quartiere urbano di Rondelli dove sono venuti alla luce un complesso fusorio composto da ventuno forni e il villaggio in cui vivevano gli antichi fonditori. Si segnala inoltre la sezione, particolarmente interessante nell’ottica dell’archeologia industriale e della storia delle arti decorative, dedicata alla documentazione della produzione ottocentesca delle fonderie di Follonica (modelli in legno e fusioni in ghisa). Il Museo svolge attività didattica, organizza mostre e incontri sulla storia del territorio.

 

 


Orario:
Invernale: mattina: mercoledì,venerdì e sabato h. 9-13. pomeriggio: mercoledì, venerdì,sabato e domenica h.16.30-19
Estivo: mattina:mercoledì,venerdì e sabato h. 9-13.pomeriggio: mercoledì, venerdì,sabato e domenica h. 17-22,30.  


Prezzo:
gratuito  


Accesso handicap:
Parziale

 

Contatti:

Comprensorio ILVA
FOLLONICA (GROSSETO)
Telefono: 0566 59006 0566 59001
E-mail: museo@comune.follonica.gr.it

www.comune.follonica.gr.it./museo


Follonica
Una perla incastonata in un golfo mozzafiato
Follonica è situata al centro di un bel golfo cui dona il nome, compreso tra il promontorio di Piombino e Punta Ala, e davanti al quale si trova l’Isola d’Elba. Sin dall’antichità la cittadina è stato un centro famoso per la lavorazione del ferro e della ghisa, tant’è che il suo nome prende origine dai fulloni, gli antichi mantici dei forni fusori. ...
Approfondiscikeyboard_backspace