Museo del castello di Porciano
location_cityArchitetture

Museo del Castello di Porciano

Un itinerario fra sale e collezioni d'epoca

Stia
Il castello medievale di Porciano è documentato fin dall'inizio del XI secolo: appartenne ai conti Guidi fino a quando nel 1444 passò alla Repubblica Fiorentina. Nel Settecento fu acquistato dalla famiglia Goretti De Flamini ed è stato restaurato tra il 1963 e il 1973. L'apertura al pubblico consente di visitare: il Salone di Dante, sala di rappresentanza del castello, e le collezioni ospitate ai piani inferiori dell'edificio: la raccolta di arnesi domestici e strumenti agricoli usati nella campagna circostante; l'esposizione sui nativi americani; l'esposizione dei reperti ritrovati durante i restauri del castello e la documentazione fotografica sui restauri stessi. I piani superiori non sono aperti al pubblico in quanto residenza dei proprietari.

Gli oggetti agricoli e delle attività domestiche casentinesi, esposti in una sala al piano terreno, sono stati raccolti dalla proprietaria o donati dagli abitanti del luogo. La mostra sui nativi d'America è stata raccolta nel Nord Dakota da George Anderson Specht, americano, padre della proprietaria del castello. I reperti provenienti dal castello, esposti al piano superiore, sono in prevalenza materiali del XIII-XIV secolo rinvenuti durante la ripulitura della cisterna.

Info: castellodiporciano.com
 
Stia
Posto alla confluenza di due corsi d'acqua, l'Arno e lo Staggia, è un antico borgo da scoprire
Posto alla confluenza di due corsi d'acqua, l'Arno e lo Staggia, il centro storico di Stia è tutto raccolto intorno alla piazza principale, Piazza Tanucci , fiancheggiata da portici. Sulla via omonima si affaccia la Pieve romanica di Santa Maria Assunta, con facciata settecentesca. Nella cappella del Battistero una bella Annunciazione di Bicci di Lorenzo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace