Museo Civico di Fucecchio
account_balanceMusei

Museo Civico di Fucecchio

Tra i dipinti più significativi che provengono dalla vicina Collegiata, la Madonna col Bambino e Santi del Maestro di Fucecchio

Piazza Vittorio Veneto 27

Il museo, inaugurato nel 1969 e chiuso per restauri, verrà riaperto presumibilmente nel 2000 nelle sale di Palazzo Corsini, un tempo residenza signorile, circondata da un parco nel quale sorge anche la medievale Rocca Fiorentina, edificata sul precedente castello di Salamarzana che presidiava il ponte sull’Arno lungo la via Francigena.
A questa strada è dedicato un percorso museale che attraversa la sezione archeologica, con interessanti reperti della "Casa del Poggio Salamartano" (sec. XII), la sezione delle "arti minori", con l’importante riccio di pastorale in avorio (sec. XII) appartenuto, secondo la tradizione, a San Pietro Igneo e infine la pinacoteca nella quale è conservato il pregevole terminale della Croce di Berlinghiero (sec. XIII).
Tra i dipinti più significativi che provengono dalla vicina Collegiata la Madonna col Bambino e Santi del Maestro di Fucecchio (c. 1440-1450), la Madonna col Bambino di Zanobi Machiavelli (c. 1460-1465), la Natività con Santi del Maestro dei Paesaggi Kress (datata 1523), la lunetta con Padre Eterno benedicente di Santi di Tito (c. 1580-1590). Tra le tele più tarde si registra la presenza di un San Luigi Gonzaga in gloria di Giovan Domenico Ferretti (1755).
La pinacoteca è stata recentemente arricchita dalla donazione delle opere del pittore Arturo Checchi (1886-1971): sezione visitabile attualmente nelle sale del Palazzo Della Volta, via G. di San Giorgio 2 ( non accessibile ai disabili).

 

Accesso handicap:
Parziale

Contatti:
piazza Vittorio Veneto 27
FUCECCHIO (FIRENZE)
Telefono: 0571 244304
E-mail: museo@comune.fucecchio.fi.it
http://www.comune.fucecchio.fi.it/site/museo.asp
(Articolo a cura dell' APT di Firenze)

Fucecchio
Un percorso tra storia e natura
La storia di Fucecchio è decisamente legata alla Via Francigena, il cui percorso aveva in questa località un punto di attraversamento dell’Arno. Intorno al X secolo i Cadolingi, originari di Pistoia, spostarono i propri interessi in prossimità di questo importante snodo viario dove costruirono il Castello di Salamarzana. ...
Approfondiscikeyboard_backspace